Calendario Pirelli 2013, la svolta:
non solo glamour ma diritti e lotta per la libertà

Venerdì 2 Novembre 2012
Sophia Loren - Calendario Pirelli 2007 (jmcaleroma)

MILANO - Uno degli appuntamenti più attesi nel mondo del fashion è la presentazione del calendario Pirelli. Anche per la versione 2013 l’attenzione è così alta, per cui fioccano le indiscrezioni su quello che sarà il tema che caratterizzerà il prossimo calendario. Bisogna comunque partire da alcune certezze. Una di queste è quella che riguarda Sophia Loren, madrina dell’iniziativa grafico-editoriale che con i suoi 78 anni rappresenta un’istituzione internazionale, anche se ben segnata dalla sua italianità. Secondo punto fermo è il fotografo del calendario, quel Steve Mcurry incaricato di immortalare donne bellissime e sensuali ma che quest’anno saranno vestite. Ed è proprio questa la novità: The Cal 2013 è pesantemente caratterizzato da una svolta verso l’impegno sociale.

Si parla in questo senso di risvolto charity (letteralmente in inglese sarebbe caritatevole ma la parola ha un senso più ampio), cioè rivolto al mondo della solidarietà e che tratta temi come i diritti delle donne, la lotta per la libertà e l’emancipazione di popolazioni oppresse. Senza però dimenticare la consueta bellezza e il glamour. Per questo il gran galà di presentazione del calendario si tiene il 27 novembre a Rio de Janeiro, città che racchiude numerose e splendide contraddizioni e location degli scatti stessi. Annunciata la presenza di artisti del calibro di Marisa Monte e Carlinhos Brown, ma il piatto forte è costituito dalle 11 protagoniste degli scatti: dalla veterana Isabeli Fontana, alla sua sesta apparizione, alla modella Adriana Lima, l’attrice Sonia Braga, la cantante Marisa Monte, l’attrice italo-egiziana Elisa Sednaui, la modella cecoslovacca Petra Nemcova, la tunsina Hanaa Ben Abdesslem, l’etiope Liya Kebede, le statunitensi Karlie Kloss, Kyleigh Kuhn e Summer Rayne Oakes.

Ultimo aggiornamento: 7 Novembre, 14:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Mi metti il codice?». Quel sottile piacere di bloccare tutte le app

di Raffaella Troili