Anna Wintour non sarà ambasciatrice per gli Usa, il compagno smentisce

Anna Wintour con Blake Lively (julesfashion.com)
1 Minuto di Lettura
Venerdì 4 Gennaio 2013, 17:26 - Ultimo aggiornamento: 17:52

WASHINGTON - All'inizio del dicembre 2012 l'agenzia Bloomberg aveva annunciato che Anna Wintour, direttrice di Vogue Usa, sarebbe stata nominata ambasciatrice degli Stati Uniti. La notizia aveva scosso il mondo della moda. Sarebbe stato un modo per il presidente Obama di premiarla per il suo sostegno costante durante le ultime elezioni. La smentita della giornalista, che sosteneva di essere «molto felice nella sua attuale posizione», non era bastata ad attenuare le voci. Ora Shelby Bryan, uomo d'affari texano e compagno della Wintour, dissipa ogni dubbio affermando in un'intervista al Telegraph, i cui commenti sono stati riportati dal Daily Mail, che la guru della moda non sarebbe interessata a questo ruolo: «Farebbe un ottimo lavoro, se succedesse, ma non credo che accadrà. Ha un ottimo impiego con Vogue, che ama». Bryan, al fianco della giornalista da 13 anni, ha anche voluto denunciare la visione che hanno i media della Wintour, soprattutto da quando è stata accostata alla figura di ambasciatrice: «C'è un po' di misoginia. Spesso le donne potenti che gestiscono i loro affari con determinazione vengono criticate», ha spiegato. La cosiddetta «Nuclear Wintour» sarebbe più morbida di come si pensa, a sentir lui: «Ho letto articoli abbastanza negativi che traggono conclusioni affrettate ispirandosi alla protagonista del film Il Diavolo veste Prada. Chi conosce Anna Wintour sa che questa è pura ironia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA