Rispetto, amore e sperimentazione: Dior secondo Maria Grazia Chiuri

Martedì 12 Marzo 2019 di Laura Bolasco
Rispetto, amore e sperimentazione: Dior secondo Maria Grazia Chiuri

L’importanza dell’arte e del suo studio per le nuove generazioni. Ieri sera alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, in occasione del premio “Arte: sostantivo femminile”, Maria Grazia Chiuri, direttrice creativa di Dior, ha ricordato le giornate trascorse in quella stessa galleria costruendo le basi che l’hanno condotta fino alla direzione di una tra le maison più importanti del mondo. «Spero che Christian Dior sia contento del mio lavoro», ci ha raccontato la stilista, parlando del suo lavoro come seguito di un percorso iniziato tanto tempo fa, incentrato sulla femminilità allora come oggi, a cui Maria Grazia Chiuri ha certamente conferito contemporaneità e coscienza.

Lo sguardo improntato all’orizzonte, verso un’internazionalità che è da sempre un’incessante fonte d’ispirazione ma senza dimenticare le proprie peculiarità: «Essere cresciuta a Roma mi ha abituata ad avere una grande storia alle spalle», come quella che ha Dior, un passato di 6 direttori creativi ed un archivio che ha fatto la storia della moda. Rispetto, amore e sperimentazione, quello che indossa oggi la donna Dior di Maria Grazia Chiuri.
 

Ultimo aggiornamento: 21:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma