ROMA

Luisa Spagnoli, grande party in via Frattina per i 90 anni della maison

Sabato 24 Novembre 2018

“Luisa Spagnoli” compie 90 anni e li porta benissimo. A festeggiare l’anniversario della griffe con un cocktail party nella boutique in via Frattina, arrivano in più di mille tra invitati, fan, e curiosi accolti dalla Presidente del brand Nicoletta Spagnoli. Ad incantare è non solo la collezione autunno inverno, ma anche la musica scelta da una dj veramente speciale, la fascinosa Violante Placido che è accompagnata dal marito Massimiliano D’Epiro e si piazza subito alla consolle. Intorno il Black Friday impazza. Lo shopping si scatena. C’è una calca furiosa. Nei due piani del negozio, il via vai è continuo ma l’atmosfera raffinata.
 

 

Drink e leccornie e qualche sorpresa. Come il desk che affaccia su una vetrina in cui un maestro artigiano mostra la propria bravura nell’iniziativa dal titolo “Made (only) for you. Personalizza il tuo i-Phone”. Eccolo incidere le iniziali delle clienti sulle cover colorate dei loro cellulari. Al primo piano su un leggio, c’è il libro che parla della storia del brand, una favola tra le più belle e concrete della moda italiana. A raccontarla è stata ancora una volta Nicoletta Spagnoli, discendente della capostipite: la geniale Luisa non solo ha fondato l’azienda ma ha anche inventato l’amatissimo Bacio Perugina. “Luisa Spagnoli - 90 anni di Stile” edito da Rizzoli e scritto da Sofia Gnoli, ripercorre dagli esordi ad oggi, i passaggi salienti che hanno portato il marchio umbro a diventare uno dei più famosi del mondo. Tante le foto che lo illustrano.
È arcinoto che la griffe è molto amata da Kate Middleton, Duchessa di Cambridge. La moglie del futuro re d’Inghilterra ha sfoggiato un ormai famoso tailleur rosso firmato Spagnoli per ben quattro volte.

E lo farà ancora. Il volume è stato presentato nel settembre scorso a Milano durante una sfilata e ora va a ruba. Complimenti e brindisi con altri ospiti, tra cui Kiara Tomaselli che è con il marito e col bebè in carrozzina. Intanto furoreggiano le gonne plissè color oro, i cappotti cammello o verde bottiglia, le bluse e i pantaloni in velluto. I gilet sfrangiati. Per le prossime feste pronti gli abiti scarlatti, i modelli neri longuette o guarniti di pizzo. Una vera follia collettiva per i pull in angora, quelli inventati da Luisa Spagnoli quando durante la guerra la lana era scomparsa dalla scena. Sono in tinte accese. In giallo o turchese. Come cadeau c’è il profumo che porta il nome di una delle grandi protagoniste del Made in Italy.
 

Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 18:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Livercool vs A.C. Tua, quando il Fantacalcio imbarazza il nonno

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma