"Black lives matter", Lenny Kravitz è il nuovo testimonial di Saint Laurent

Venerdì 26 Giugno 2020 di Gustavo Marco Cipolla
Lenny Kravitz_credits Ph. David Sims_Saint Laurent Official Instagram

Il linguaggio della moda diventa lo strumento per lanciare messaggi di estrema attualità, svelando un ideale scopo solidale. Per la campagna fall-winter 2020 la maison Saint Laurent, che vede al timone della direzione creativa il designer belga Anthony Vaccarello, ha scelto in qualità di testimonial il cantautore Lenny Kravitz, già pluripremiato ai "Grammy Awards", ritratto negli scatti in bianco e nero dall'artista delle immagini David Sims. Dopo l'attore Keanu Reeves, ritornato in splendida forma e a 54 anni davanti all'obiettivo della macchina fotografica quale volto della casa di moda francese nel 2019, quest'anno al grido silenzioso di "Black lives matter" (Le vite dei neri hanno un valore) Vaccarello invita Kravitz a posare con i suoi abiti.

Il Black Lives Matter travolge la moda, nel mirino anche "icone" come Anna Wintour e Leandra Medine
 

 

Entrambi hanno infatti pubblicato un post sui loro account Instagram ufficiali, facendo eco ai movimenti di protesta statunitensi in seguito all'uccisione di George Floyd avvenuta a Minneapolis lo scorso 25 maggio. Una corrente che ha dato vita al rinnovato sentimento contro la discriminazione razziale e la xenofobia in un'America in ginocchio perché colpita dall'emergenza pandemica causata dal Covid-19. Nelle immagini di Sims, la rockstar, da sempre in prima linea con l'amica Naomi Campbell contro il razzismo, indossa occhiali scuri, giacca e camicia maculata impreziosita da un fiocco. Così come nel breve videoclip girato da Sims per l'advertising campaign della prossima stagione invernale. La top model, invece, è stata una delle protagoniste del progetto "The Black Issue", ideato dall'allora direttrice di Vogue Italia, Franca Sozzani, che dedicava le cover della "Bibbia" italiana del fashion alle modelle di colore.

Ultimo aggiornamento: 12:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani