La rivincita di J-Ax stilista: «Da bambino mi sentivo perdente perché non vestivo firmato»

Sabato 12 Gennaio 2019
1

J-Ax diventa anche stilista. Il rapper ha lanciato una collezione di abiti dedicata ai ragazzi e dietro alla sua iniziativa non c'è solo marketing. «Da bambino la moda per me ha sempre rappresentato un motivo di esclusione e sofferenza - scrive J-Ax in un post su Instagram-  Vedevo i ragazzi popolari indossare le scarpe e i vestiti firmati e mi sentivo diverso, inferiore, come se mi mancasse qualcosa. La moda era una pustola nel palato che mi pungolava per ricordarmi quanto fossi un perdente che non poteva avere nulla dalla vita.
Per questo motivo, ora che ho l’opportunità di lanciare la mia collezione I SHALL TRIUMPH Feat.VINGINO dedicata ai ragazzi. Voglio lanciare una collezione anti-elité e contro l’idea che dobbiamo tutti essere uguali come dei greggi di pecore. Voglio celebrare la creatività e l’originalità dei tanti ragazzi che si sentono diversi, solo perché hanno il “difetto” di essere Unici
».

J-Ax e la canzone per il figlio: «La vita l'ha scritta per me, ma non sono un family man»

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Da bambino la moda per me ha sempre rappresentato un motivo di esclusione e sofferenza. Vedevo i ragazzi popolari indossare le scarpe e i vestiti firmati e mi sentivo diverso, inferiore, come se mi mancasse qualcosa. La moda era una pustola nel palato che mi pungolava per ricordarmi quanto fossi un perdente che non poteva avere nulla dalla vita. Per questo motivo, ora che ho l’opportunità di lanciare la mia collezione I SHALL TRIUMPH Feat.VINGINO dedicata ai ragazzi. Voglio lanciare una collezione anti-elité e contro l’idea che dobbiamo tutti essere uguali come dei greggi di pecore. Voglio celebrare la creatività e l’originalità dei tanti ragazzi che si sentono diversi, solo perché hanno il “difetto” di essere Unici. @vinginojeans @ishalltriump Artwork @crudo1979 #VINGINO #ISHALLTRIUMP #Ad

Un post condiviso da J-Ax (@j.axofficial) in data:

Ultimo aggiornamento: 09:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Mi metti il codice?». Quel sottile piacere di bloccare tutte le app

di Raffaella Troili