Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bufera su Calvin Klein: «La campagna intimo #inmycalvins è troppo osè»

Bufera su Calvin Klein: «La campagna intimo #inmycalvins è troppo osè»
2 Minuti di Lettura
Sabato 28 Maggio 2016, 19:11 - Ultimo aggiornamento: 19:36

NEW YORK – «L'unico modo per fare della buona pubblicità è non concentrarsi troppo sul prodotto». A parlare è Calvin Klein, che ha fatto di questa formula il segreto del suo successo. E sulla stessa scia ecco inserirsi anche l’ultima campagna pubblicitaria di intimo #inmycalvins per la primavera/estate 2016 da molti definita troppo hot. Si chiama, non a caso, “Erotica” e ritrae artiste e modelle in atteggiamenti esplicitamente sessuali.
 

 


Scattata dall'avanguardista Harley Weir, fotografa inglese famosa per i suoi scatti crudi e diretti, in questa nuova e molto discussa campagna di Ck spiccano le immagini di Kendall Jenner mentre strizza tra le mani mezzo pompelmo, per alcuni un rimando implicito ai genitali femminili e dell'artista ed ex modella Saskia De Brauw immortalata mentre con una mano si copre il seno e con l'altra sembra allontanare una schiena maschile. In altri la modella e attrice Abbey Lee Kershaw ha le mani infilate dentro un paio di slip mentre l'attrice Kristen Klara è ritratta dal basso mentre mostra la biancheria intima sotto la gonna e guarda dritta nell'obiettivo. Che sia una campagna irriverente non ci sono dubbi, ma del resto Calvin Klein lo ha sempre fatto sin dal lontano 1982 quando una giovanissima Brook Shields chiedeva maliziosamente “Vuoi sapere cosa c'è tra me i miei Calvins? Niente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA