Orologi Wyler Vetta, dagli archivi riemerge il crono Jumbostar: icona di eleganza sportiva

Uscì nel 1968 per i clienti più sportivi, quest'anno la riedizione per il 125° anniversario

Orologi Wyler Vetta, dagli archivi riemerge il crono Jumbostar: icona di eleganza sportiva
di Patrizio Poggiarelli
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Ottobre 2021, 09:00

In occasione del 125esimo anniversario dalla nascita di Paul Wyler, il fondatore, Wyler Vetta ha presentato una bella riedizione di uno dei suo modelli iconici. Siamo all’inizio degli anni ’70, un periodo particolare per la bella orologeria. Mentre da una parte si affermano i primi modelli al quarzo, allora costosissimi, dall’altra la cronografia meccanica tradizionale vive il suo momento d’oro, proponendo o sviluppando modelli destinati a diventare iconici. Uno di questi è il Jumbostar ref. 1502/6, che Wyler Vetta propose a partire dal 1968 alla sua clientela più sportiva, dotandolo di un sofisticato calibro 23 della Valjoux, a carica manuale.


Il cofanetto - Con l’obiettivo di valorizzare gli archivi e proporre modelli vintage in chiave contemporanea, la marca ha scelto di raccontarsi attraverso un segnatempo sportivo, un cronografo automatico dalla forte connotazione maschile, che viene proposto in un cofanetto celebrativo di legno con due cinturini di pelle nero e crema che possono sostituire il bracciale d’acciaio. 

L’estetica originale riprende le linee del modello originale, attualizzato dalla mano di Fulvio Locci, designer della collezione. Interamente realizzato in Svizzera, ha una cassa in acciaio bilux di 43 mm di diametro, con un vetro minerale K5 bombato che ne definisce il gusto vintage. Come nella collezione del passato, le lancette hanno una dimensione importante, peculiare la sfera delle ore che culmina con una freccia. Di grande effetto anche la corona zigrinata e i pulsanti start e stop del cronografo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA