Gucci, ore preziose tra api e leoni: oro e acciaio, tourbillon e diamanti

Gucci, ore preziose tra api e leoni: oro e acciaio, tourbillon e diamanti
di Camilla Gusti
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Giugno 2021, 14:31 - Ultimo aggiornamento: 15:10

Cento anni scanditi da traguardi ambiziosi, quelli che da sempre segnano lo spirito di Gucci. Nel momento in cui festeggia il centenario, l’azienda fiorentina fa il suo ingresso nel settore dell’alta orologeria, confermando ancora una volta la maestria del suo direttore creativo Alessandro Michele e tracciando le linee guida che accompagneranno il futuro della griffe. Le nuove collezioni sono il frutto dell’unione tra lo stile italiano, che da sempre distingue la maison, e il savoir-faire orologiero degli artigiani svizzeri. Connubio vincente che si esprime nel nuovo calibro GG727.25, il primo movimento del marchio, sviluppato e realizzato dalla manifattura all’avanguardia di movimenti del gruppo Kering a La Chaux-de-Fonds, in Svizzera. Automatico e ultrasottile, con uno spessore di soli 3,70 mm, il calibro fa il suo esordio nel nuovo Gucci 25H.

IL TALISMANO

Segnatempo meccanico dalla cassa ultrasottile, ideale per uomo e donna, proposto sia in modelli in acciaio e incastonati a pavé che in due versioni tourbillon, in platino e oro giallo. Il nuovo fiore all’occhiello della maison dalla doppia G ha un nome simbolico, contenente un numero caro ad Alessandro Michele (la data di nascita dello stilista) che lo stesso direttore creativo del brand considera un talismano e che è spesso presente anche nelle sue collezioni. Ogni nuova proposta trae ispirazione dalla tradizione artigianale e dagli elementi classici che sono retaggio del marchio, la natura, flora e fauna, e naturalmente la doppia G, dando vita a momenti in cui la vena inventiva si mescola alla ricerca di materiali preziosi. Gucci non è nuovo al settore: i suoi primi segnatempo risalgono al 1972 e ieri come oggi si avvale delle migliori maestrie svizzere: a La Chaux-de-Fonds vengono eseguiti il controllo qualità, l’assemblaggio e l’incastonatura dei diamanti; la Fabbrica quadranti di Gucci, situata nel Canton Ticino, produce avvalendosi della tecnologia più avanzata abbinata a una lavorazione manuale altamente specializzata e utilizzando speciali tecniche decorative. Neuchâtel infine, headquarter per gli orologi della maison, è il luogo in cui converge il know-how del design orologiero dell’azienda.

PELLE PREGIATA

Oltre ai Gucci 25H, fanno parte della collezione di alta orologeria altre tre linee che si differenziano tra loro per tecnica e stile. La G-Timeless Dancing Bees, con le api posizionate sul quadrante, anche in versione tourbillon; il G-Timeless Automatic, caratterizzato dal motivo dell’ape, quadrante in pietra e cinturini in pelle pregiata; e infine la linea G-Timeless con fasi lunari e G-Timeless Pavé, modello automatico con diamanti incastonati e cinturino in coccodrillo. L’iconica collezione Grip, invece, è declinata in cinque modelli realizzati con materiali preziosi e dotati del movimento “Jump Hour”. Si aggiunge una quarta famiglia nella quale rientrano dei pezzi di alta gioielleria, tra cui Dionysus, Lion Head e Gucci Play, lanciata dal marchio due anni fa. Gucci, con questa collezione, ancora una volta intercetta la ricerca contemporanea, testimoniando il cambiamento, le evoluzioni in atto, la varietà delle idee e le aspirazioni che definiscono il nostro tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA