Orologi Seiko, l'omaggio al quartiere Ginza di Tokyo per festeggiare il 140° anniversario

Il quadrante sfoggia i motivi che evocano le vie lastricate di ciottoli, i colori sono quelli degli edifici moderni

Orologi Seiko, l'omaggio al quartiere Ginza di Tokyo per festeggiare il 140° anniversario
di Camilla Gusti
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Ottobre 2021, 09:00

Ha solo ventidue anni nel 1881 Kintaro Hattori quando, nel quartiere di Ginza, a Tokyo, apre un negozio per la vendita e la riparazione di orologi e sveglie. A guidarlo, l’ambizione di “essere sempre un passo avanti” rispetto a tutti i suoi concorrenti. Passano undici anni e il negozio si trasforma nella Seikosha, il resto è storia che conosciamo. Più precisamente 140 anni di storia, che la Seiko celebra rinnovando il suo legame con Ginza. Lo fa presentando due edizioni limitate, appartenenti alle collezioni Prospex e Presage, che riproducono il volto classico e moderno di questo quartiere.


Le architetture - I due orologi sono caratterizzati da un quadrante con motivi che richiamano le tradizionali strade di ciottoli del quartiere, in una tonalità grigio-blu che rievoca le architetture degli edifici che definiscono Ginza oggi. Il distretto, situato nel centro della capitale del Sol Levante, è significativo per Seiko. Non solo è stato il luogo scelto dal fondatore, ma è anche quello dove attualmente ha sede l’azienda. Basti pensare che da 120 anni un suo orologio scandisce il tempo di questa caotica città: un segnatempo sovrasta l’incrocio più famoso di Ginza dal tetto del lussuoso centro commerciale Wako, dove si trova uno dei più grandi flagship store Seiko al mondo. Nelle vicinanze vi sono anche altri edifici legati alla marca, tra cui il suo Museo, una boutique dedicata alla collezione Prospex, e Seiko Dream Square, dove le persone possono sperimentare la visione del mondo della casa orologiera e il ricco patrimonio che caratterizza ogni sua collezione.


Raggio di sole - L’edizione limitata Prospex rimanda alla reinterpretazione moderna dell’Alpinist del 1959, presentata all’inizio dell’anno. L’intricato disegno del quadrante incorpora due diversi motivi sunray (raggio di sole) che creano effetti cangianti a seconda della prospettiva da cui lo si osserva e la percezione dei ciottoli di Ginza. 
 La lancetta dei secondi rende omaggio alla storia del quartiere grazie alla particolare tonalità Komparu, un tipico colore giapponese che prende il nome da Komparu Street, che un tempo rappresentava il centro della vita notturna della zona. Questo tradizionale colore blu con una leggera sfumatura verde fu usato per la prima volta nella metà dell’era Meiji (1868 - 1912), apprezzato dalle geishe che vivevano nel quartiere e divenendo poi gradualmente un colore popolare tra il pubblico. L’orologio è alimentato dal calibro 6R35, che offre una riserva di carica di 70 ore e sarà disponibile in un’edizione limitata di 3.500 esemplari.
 Presage ha il quadrante con lo stesso motivo, come anche la lancetta dei secondi nella medesima tonalità Komparu. Differisce dal precedente per il design che appartiene alla collezione lanciata recentemente Style 60’s, ispirata al Crown Chronograph del 1964. Il vetro a scatoletta, le lancette affilate e gli indici sfaccettati sono ereditati da questo modello e creano un’atmosfera retròche si abbina al motivo classico del quadrante.
 L’apertura open-heart a ore 9 consente a chi indossa l’orologio di osservare il movimento, mentre il sotto-quadrante con contatore delle 24 ore offre un’ulteriore modalità per leggere l’ora. Sarà disponibile in un’edizione limitata di 4.000 esemplari.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA