ROMA

Rebelle sbarca a Roma: così puoi svuotare l'armadio guadagnando

Venerdì 23 Marzo 2018 di Ughetta Di Carlo

Il vintage è sempre più in voga, quasi un mestiere. Comprare capi di lusso è un investimento a perdere, ma sapere di poterli rivendere per poi comprarne dei nuovi trasforma le donne in imprenditrici del loro shopping compulsivo. Un gioco che le fa sentire meno in colpa e può aiutare a gestire meglio gli acquisti. Le possibilità sono tante, ormai in ogni città ci sono i negozi specializzati second hand, e le più brave utilizzano i siti dedicati smerciando i loro oggetti del desiderio cercando di fare affari. C’è chi vende e chi compra. Il gioco delle parti è interscambiabile.
 

 

Per rendere il tutto più divertente e facile arrivano persino i roadshow, come quelli di Rebelle.com
Questo weekend tocca a Roma ospitare l'evento organizzato dalla piattaforma che vende capi luxury di seconda mano. Tra il 23 e 24 marzo i professionisti del sito, addetti agli acquisti e alle valutazioni, saranno ospiti del Concept Store Officine Red, in via del Pellegrino, nel cuore della capitale. Le clienti potranno vendere capi e accessori del proprio guardaroba in cambio di un voucher del valore di 50 euro da spendere presso il negozio, senza considerare gli affari che faranno disfacendosi dei loro capi già vissuti.
 

Il prossimo appuntamento sarà il 13 e 14 aprile a Milano da Solo Blu. Di recente l’incontro è avvenuto a Firenze.
Alla ‘due giorni’ di Roma sarà presente il team al completo della casa madre tedesca, che da Amburgo è arrivato nella capitale per selezionare capi e accessori che le clienti decidono di mettere in vendita su Rebelle. La valutazione del singolo pezzo avviene in diretta e il prezzo viene stabilito al momento di comune accordo.
Valentina Ingellis, la country manager Italia, sottolinea che la relazione delle clienti con Rebelle deve essere di gioco e passione per la moda, con un occhio al giusto investimento. La piattaforma offre la possibilità di rivendere quei capi di abbigliamento e accessori che non si usano più, senza disperdere completamente la spesa iniziale. “Meglio si seleziona l’acquisto iniziale, puntando su una griffe particolare e su un capo speciale – spiega la manager - e più si avrà la possibilità di guadagnare dalla vendita”. Così si può fare qualche pazzia “a cuor più leggero” senza buttare un patrimonio. Ma tenete presente che i prezzi sono scontati fino all’80% rispetto a quelli dei negozi. Un vero e proprio #tradingdiBorsa, come è stato definito.

Ma come è nata Rebelle.com? Fondata ad Amburgo nel 2013 da Cècile Wickmann, classe 1984,  Rebelle sta per “Re” re-commerce e “belle” che sta per bella.
Dopo l’Università, in procinto di cambiare casa, i genitori di Cècile le chiesero di disfarsi di tutti i capi che aveva accumulato negli anni, centinaia di abiti un tempo tanto amati. Lei, che lavorava come Business Analyst, iniziò una ricerca per rivenderli, ma sia i mercatini dell’usato che i siti online esistenti le risultarono troppo complicati e soprattutto una perdita di tempo, così decise di creare un portale ad hoc. Si tratta di un marketplace che collega acquirenti e venditori di moda second hand, e offre selezionati brand come Hermès, Gucci, Prada, Louis Vuitton. Circa il 60% delle transazioni dell'azienda di Amburgo è all‘estero. Oltre 100.000 articoli provenienti da clienti in 29 paesi sono disponibili sul sito web che ha più di un milione di visitatori unici al mese. La sua forza sta nell’offrire un'esperienza di shopping sicura per gli acquirenti, garantendo l'autenticità e la qualità di tutti i prodotti, con un servizio all-inclusive per i venditori: a partire da immagini professionali e descrizioni dei prodotti per il magazzino, l'imballaggio, la spedizione e il pagamento, così Rebelle gestisce l'intero processo di vendita. Per chi abita nelle principali città Berlino, Monaco, Amsterdam, Milano è possibile prendere appuntamento per un servizio di Fashion Concierge totalmente dedicato telefonando al numero 02 8736993, in questo modo gli esperti di Rebelle vanno direttamente a casa delle clienti. Lo scopo è offrire il miglior livello di servizio sul mercato a una base di rivenditrici crescente e eccezionalmente fedele.       
              
 In alternativa, vengono organizzati in giro per le città veri e propri raduni presso i negozi considerati più cool e adatti all’occasione, eventi divertenti per la raccolta della merce da fare tra una consulenza, una chiacchiera sugli ultimi trend, un gioco al rilancio e perché no, qualche risata per sdrammatizzare l’acquisto sbagliato o sentirsi fiere di quello indovinato.

Così molti capi preziosi  - alcuni dei quali, come le rinomate borse di Hérmes che mantengono invariato nel tempo il loro valore - possono trovare una nuova casa nel guardaroba di un’altra fashion lover!
 
 

Ultimo aggiornamento: 24 Marzo, 15:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma