Victoria's Secret, addio agli "angeli" dopo le polemiche: le ali saranno quelle delle donne di successo

Victoria's secret, niente più Angeli Barbie: le ali saranno quelle di donne di successo
4 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Giugno 2021, 15:24 - Ultimo aggiornamento: 15:47

Victoria's Secret dice addio ai suoi iconici angeli, modelle statuarie dalla bellezza irraggiungibile, e sceglie come volti del proprio brand donne famose per aver raggiunto traguardi di successo nella propria vita. Una svolta estrema: da sempre il sexy marchio di abbigliamento femminile, noto soprattutto per le creazioni di lingerie e prodotti di bellezza, ci ha abituati a barbie ricoperte di piume e pailettes che dominano le passerelle della moda. Il cambio di direzione arriva quasi due anni dopo la fine del titolo di Victoria's Secret Angel e la successiva cancellazione dello spettacolo nel novembre 2019 a causa delle critiche sulle taglie delle modelle. «Con The VS Collective, stiamo creando una piattaforma che costruirà nuove e più profonde relazioni con tutte le donne», ha affermato Martha Pease, Chief Marketing Officer di Victoria's Secret.

Montblanc, dalle vette ai deserti: l'avventura al polso di Reinhold Messner

Per VS Collective, la nuova iniziativa del brand americano, Victoria's Sectret ha presentato Priyanka ChopraMegan Riponoe e molte altre «donne realizzate che condividono una passione comune per guidare un cambiamento positivo». Tra le donne scelte per rappresentare il marchio, l'attrice Chopra, la giocatrice della nazionale di calcio femminile degli Stati Uniti Rapinoe, la modella sud-sudanese-australiana Adut Akech, la giornalista e fotografa di Los Angeles Amanda de Cadenet, la sciatrice cinese e sostenitrice dello sport femminile Eileen Gu, modella britannica e l'attivista Paloma Elsesser, e la modella brasiliana Valentina Sampaio, prima modella transgender di Victoria Secret nel 2019.

Gucci, ore preziose tra api e leoni: oro e acciaio, tourbillon e diamanti

«Con The VS Collective, stiamo creando una piattaforma che costruirà nuove e più profonde relazioni con tutte le donne. Attraverso una serie di collaborazioni, partnership commerciali e iniziative legate alla causa, stiamo portando nuove dimensioni alla nostra esperienza del marchio. Sposando la nostra l'energia, la creatività e le prospettive dei nuovi partner con la nostra rete e le nostre dimensioni, possiamo trasformare il modo in cui ci colleghiamo e ci presentiamo per le donne», ha dichiarato Martha Pease, Chief Marketing Officer.

L'amministratore delegato dell'azienda Martin Waters ha aggiunto: «Questo è un cambiamento radicale per il nostro marchio ed è un cambiamento che abbracciamo dal nostro nucleo. Queste nuove iniziative sono solo l'inizio». Altra iniziativa del brand, contemporanea alla trasformazione femminista, è Victoria's Secret Global Fund for Women's Cancer donerà «almeno $ 5 milioni all'anno per esaminare e affrontare le disuguaglianze razziali e di genere e sbloccare nuove innovazioni che migliorano gli esiti del cancro per tutte le donne».

Orologi, Andrea Cardillo manager di Audemars Piguet: «Trovare il tempo per le emozioni»

LE POLEMICHE - Victoria's Secret è stata tormentata da polemiche negli ultimi due anni. Come riporta People, nell'agosto del 2019, più di 100 modelle hanno firmato una petizione aperta scritta al CEO di Victoria's Secret John Mehas da The Model Alliance, che invitava l'azienda a proteggere le sue modelle dalla cattiva condotta sessuale. L'anno successivo il gruppo aveva scritto un'altra lettera al CEO in merito a una «cultura della misoginia e degli abusi». Una bufera di polemiche che aveva portato Mehas alle dimissioni, dopo cui venne sostituito da Martin Waters. Ancora nel 2020, l'ex chief marketing officer di Victoria's Secret Ed Razek era stato accusato di molestie sessuali e creazione di una cultura della misoginia, l'uomo si era dimesso dal suo incarico mesi dopo aver suscitato polemiche sui suoi commenti sull'assunzione di modelle transgender o curvy per il Victoria's Secret Fashion Show.

© RIPRODUZIONE RISERVATA