Ryan Gosling per Gucci, l'attore testimonial della nuova campagna

Ryan Gosling testimonial per Gucci, cowboy in viaggio per la nuova campagna (già virale)
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 16:03 - Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 23:27

Ryan Gosling, un pick up, una spiaggia e un set di valigie Gucci. Sostanzialmente il sogno di ogni fan del bell'attore hollywoodiano, protagonista della nuova campagna Gucci Savoy. Cappelliere, borsoni, bauletti e anche valigie dal sapore d'antan che nascondono nuovi mondi nei quali entrare e poi (forse) uscire al grido di "Il bagaglio non è solo un contenitore", come spiega la maison. 

Gucci Twinsburg, cosa significa la sfilata dei gemelli? A Milano sfilano 68 coppie mano nella mano. Il precedente del 2004

Indosso una serie di completi in stile cowboy della collezione estiva, Gosling, immortalato dalla lente del fotografo Glen Luchford sotto la direzione di Alessandro Michele, attraversa tempo e spazio (e fa breccia nei cuori e nelle stories di Instagram, dove il video della campagna è ovviamente già virale). Prima in un motel, poi in viaggio su una strada deserta con il pick up blu, dopo ancora all'hotel Savoy di Londra, ricorrente nella narrazione Gucci perché il fondatore Gucci ci aveva lavorato da ragazzo.

 

Gucci, il ritorno alle origini

Per la maison si tratta infatti di un ritorno alle origini in piena regola: Guccio Gucci dall'esperienza a Londra riportò, oltre a una discreta abilità come "lift boy", un certo gusto inglese poi sfruttato per aprire, al ritorno a Firenze, un negozio e un piccolo laboratorio di articoli da viaggio e selleria. Chissà se avrebbe mai immaginato che le sue valigie sarebbero diventate (anche se per finzione) porte verso altri mondi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA