Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La signora in rosso: da 40 anni veste solo di quel colore scelto anche per capelli, casa, mobili e tomba Video

La signora in rosso: da 40 anni veste solo di quel colore scelto anche per capelli, casa, mobili e tomba Video
di Giampiero Valenza
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Ottobre 2019, 19:10

Da 40 anni vive una vita in rosso (e non, si spera, per il suo conto in banca).  Si veste di rosso, tinge i suoi capelli di rosso, la sua casa è interamente rossa (dalla cucina, al letto, ai bicchieri, tranne che per le foglie delle piante d'arredamento).

Lei è Zorica Rebernik, ha 67 anni, è bosniaca, e nel suo paese, Breze (a nord di Tuzla) è nota per questa sua ossessione. 

Il tempo passa e Zorica ha una paura: quella di morire senza continuare con questa sua mania. Così, per se stessa e per il marito Zoran ha fatto già realizzare due tombe con un granito importato dall'India, rigorosamente rosso.  

"Quando ho compiuto 18 o 19 anni ho avuto un improvviso e forte bisogno di indossare il rosso", ha detto la donna all'agenzia Reuters, secondo quanto riporta il suo sito web - Non ci deve essere un singolo punto di nessun altro colore sulle decorazioni o sui vestiti della mia casa". 

Ma perché fa questo? Si giustifica dicendo che il rosso le dà la sensazione di avere "forza e potenza".  

Non contravviene mai alla regola del rosso: si è sposata usando quel colore e, ai funerali, la si riconosce subito perché non veste di nero. 

C'è un vantaggio a fare questa vita? A quanto pare il marito non riesce ad accorgersi quando lei indossa un abito nuovo. “Non posso dire la differenza. Tutto è uguale ", racconta lui. In sostanza, una scusa in più per dire di non averci fatto caso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA