Rihanna incinta, nude look alle sfilate. E in passerella salgono le future mamme: quando la maternità è glamour

La maternità spopola alle sfilate, da Rihanna a Milano alle modelle incinte a Londra: il pancione diventa glamour
4 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Marzo 2022, 13:32 - Ultimo aggiornamento: 4 Marzo, 09:23

Mamme e future tali sfilano sulle passerelle più attese, i pancioni invadono i front row mentre dietro le quinte si usa il tiralatte. Le ultime fashion week hanno parlato chiaro: la maternità (o forse dovremmo scrivere "la normalità") è di moda. Anzi, non era mai stata così glamour.

Milano Fashion Week al via, Cucinelli: «La ripartenza più importante del secolo»

Sfilate 2022, tutti gli appuntamenti (e cosa vedremo in passerella)

Naomi in copertina da madre

E per fortuna, perché era più che ora di abbandonare i vecchi standard sulla gravidanza (quelli per cui il pancione è bello sì, ma dentro casa), per non parlare degli abiti prémaman, che pare proprio nessuna voglia più indossare. In principio fu Naomi Campbell, luminosa più che mai mentre stringe la sua bambina in copertina di Vogue. «Lei è la più grande benedizione che potessi mai immaginare. La cosa migliore che abbia mai fatto», spiega sognante. E ci sentiamo di confermare che la "Venere nera", l'icona, la top più famosa del mondo di cose in vita sua ne ha fatte: avere una bimba a 50 anni («non l'ho adottata», ha voluto precisare) è l'ultima in ordine di data, ma forse la più importante. 

Un'altra neomamma ha sfilato a Milano per Act n.1: Anna Dal Maso, eterea e fluttuante in un abito giallo intenso, è comparsa in passerella stringendo al petto il suo bambino nudo. Vestale per alcuni, sacerdotessa della fertilità per altri. Per molti solo una mamma: così come Paola Turani, che ha sfruttato i "tempi morti" di trucco e parrucco tra un evento e l'altro per tirarsi il latte come una madre lavoratrice qualsiasi (ma con molti più follower). Perché ok la fashion week, ma a casa c'è il piccolo Enea che aspetta.  

 

Dolce attesa (inclusiva)

A pochissimo tempo dal ritorno di Gigi Hadid, criticata da alcuni per il suo fisico più morbido da neomamma, si può finalmente parlare di inclusività alle sfilate (vedi Marco Rambaldi e Valentino). E le forme da dolce attesa, come le altre, vengono mostrate e celebrate: un gesto importante per normalizzare una condizione dipinta troppo spesso come uno stato di grazia mentre, nella realtà, in molte hanno problemi ad accettare un corpo nel quale non si riconoscono più.

A Londra tra i triangoli di tessuto e trasparenze della celebratissima emergente Nensi Dojaka è spuntato anche il pancione della modella americana Maggie Maurer, che ha scelto proprio la sfilata per rivelare di essere incinta. Un «momento puro e bellissimo», ha raccontato la designer, ovviamente rimbalzato sui social.

Anche se la futura madre più fotografata del momento resta Rihanna, sbarcata in Europa insieme al compagno Asap Rocky per assistere ai defilé. A Parigi non si è quasi parlato d'altro che del suo look tutto in trasparenza all'evento Dior: un abito in stile babydoll con intimo (e tutto il resto) ben in evidenza. Ma già da Gucci la cantante aveva sfoggiato un completo a stampa cinese con pancia nuda, che d'altronde tiene bene in vista ovunque vada dall'annuncio di un mese fa. Perché una gravidanza non è un motivo valido per rinunciare a sfoggiare un pantalone a vita bassa, un look nude o un tripudio di collane, proprio come fa Riri. Future mamme, libere di prendere spunto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA