Kimono, la mostra di Stefano Dominella approda a Tokyo con le creazioni di giovani designer italiani

Kimono, la mostra di Stefano Dominella approda a Tokyo con le creazioni di giovani designer italiani
1 Minuto di Lettura
Sabato 2 Marzo 2019, 16:02 - Ultimo aggiornamento: 19 Luglio, 18:00

I kimono dal Giappone a Santa Severa e ritorno. La mostra “Kimonomania: young italian designers pay tribute to Kimono”, spin-off della mostra “Giapponizzati” allestita nel 2017 al Castello di Santa Severa e nel 2018 a Modena, ideata e curata da Stefano Dominella, sarà ospitata dall'8 al 14 marzo all’Istituto Italiano di Cultura a Tokyo. L'esposizione sottolinea l’influenza che la cultura giapponese ha avuto e ha sulla moda italiana, partendo dal viaggio di Hasekura Tsunenaga, primo samurai-ambasciatore giapponese che nel 1615 approdò nel porto di Civitavecchia e fu ospitato nel Castello di Santa Severa. L’elegante diplomatico indossava kimono abbinati a sontuosi drappi indiani e a cappelli alla romana.

L’esposizione-evento, che si svolge sotto l’egida dell’Ice e dell’Istituto Italiano di Cultura a Tokyo, racconta il complesso fenomeno che è stato il giapponismo: a interpretare il kimono sono dieci giovani designer, ma in mostra ci sono anche capi creati da stilisti di fama come Guillermo Mariotto per Gattinoni Couture, appassionato cultore del Giappone che ha interpretato il tema attraverso suggestive creazioni realizzate con le tecniche tipiche della couture italiana: il dipinto a mano, il drappeggio, il ricamo.  Infine un omaggio al Teatro lirico con i costumi provenienti dagli archivi storici del Teatro dell’Opera di Roma e dalla sartoria cineteatrale Annamode Costumes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA