CORONAVIRUS

Coronavirus, Gucci e Prada rispondono all'appello della Toscana per produrre mascherine e camici

Lunedì 23 Marzo 2020

Il mondo della moda si riconverte per far fronte, insieme alle autorità e al sistema sanitario, all'emergenza coronavirus. Gucci e Prada rispondono all'appello all'industria della moda da parte della Regione Toscana: il brand del gruppo Kering ha deciso di donare 1.100.000 mascherine e 55.000 camici (prodotti dalla filiera Gucci) che, previa autorizzazione delle autorità competenti, saranno consegnate nei prossimi giorni. 

Coronavirus, le aziende della moda Made in Italy in prima linea per le mascherine
Coronavirus, Scervino: «Grazie alle nostre sarte che si sono messe a cucire le mascherine a casa»

Anche Prada scende in campo per fornire mascherine e camici. «Prada, su richiesta della Regione Toscana, ha avviato mercoledì 18 marzo la produzione di 80.000 camici e 110.000 mascherine da destinare al personale sanitario della Regione. Il piano prevede consegne giornaliere che saranno ultimate in data 6 aprile», fa sapere l'azienda. Gli articoli sono prodotti internamente presso l'unico stabilimento del gruppo, Prada Montone (Perugia), rimasto operativo a questo scopo e da una rete di fornitori esterni sul territorio italiano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA