Blake Lively e il "segreto" da red carpet: «Ho indossato look da 13 dollari e ho detto che erano vintage»

Venerdì 26 Aprile 2019 di Costanza Ignazzi

Look firmati dai più grandi couturiers, strascichi chilometrici e chi più cambi scenici ha, più ne metta. Ma non è sempre stato così per Blake Lively, la mai dimenticata Serena van der Woodsen che negli anni di Gossip girl ci ha fatto sognare con i suoi outfit all'ultimo grido (sì, anche quelle di noi che parteggiavano per Blair). La bionda attrice, una delle poche a non avere uno stylist, ha infatti rivelato a Instyle di essersi spesso presentata sui red carpet indossando marchi low cost, Forever 21 per dirne uno: però a chi le chiedeva chi la vestisse rispondeva con il sempreverde «È vintage». 

Met Gala tra sacro e profano: tiare papali, aureole, ali d'angelo e abiti da Giovanna d'Arco

Insomma, Blake una di noi. «Ho indossato Forever 21 molto più a lungo di quanto abbia confessato - ha ricordato - Però ho iniziato a dire che indossavo capi vintage perché altrimenti mi avrebbero fatta vergognare». E infatti, qualche tempo fa Blake aveva già rivelato a Glamour Uk che il miniabito indossato per il red carpet dei Teen Choice Awards del 2005 era in realtà uno dei famosi "affari" di Forever 21, acquistato per la bellezza di soli 13 dollari. «La gente mi chiedeva "cosa indossi"? Ma quando rispondevo mi dicevano che non avrei dovuto "confessare": faceva molta più sensazione avere un abito di design da migliaia di dollari. E dopo quel giorno ho semplicemente deciso di dire che i miei look erano vintage».
 

Adesso però, per la moglie di Ryan Reynolds e mamma delle piccole James e Inez, il tempo dei miniabiti sembra finito. «Nell'armadio ho ancora tanti abiti baby-doll di quando avevo vent'anni e so che non li indosserò più: dovrei adottare il metodo Marie Kondo ma tutto quello che ho nel guardaroba mi dà gioia - scherza - Con il tempo sto diventando più elegante, ma mi piace ancora il rosa e qualche fronzolo». La moda, per Blake, è (anche) il modo di esprimersi di una ragazza altrimenti molto timida (così si definisce lei) che sui red carpet si dà coraggio da sola "fingendo" di essere un personaggio: «Per esempio, se fingi di essere JLo, aiuta». 

 

Ultimo aggiornamento: 18:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma