Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Biodesign e creazioni ecosostenibili, in Alto Adige il fashion show "Bluehouse, la casa che si indossa"

Maison De Santis by Martin Alvarez_credits Courtesy of Press Office
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Giugno 2022, 14:50 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 17:29

Biodesign, creazioni couture e sostenibilità. Nasce così la sinergia tra Bluehouse e la Maison De Santis by Martin Alvarez, che porterà in passerella abiti di alta sartoria confezionati utilizzando i materiali impiegati per edificare dimore in legno. La sfilata ad ingresso libero "Bluehouse, la casa che si indossa" si svolgerà venerdì 1 luglio, alle ore 18.30, nelle splendide location interne ed esterne del Lumen Museum e di AlpiNN, due edifici che in Alto Adige svettano sulle alture per le loro architetture minimal. Incantevoli suggestioni fra cultura e glamour. La magica scenografia è quella di Plan de Corones, in provincia di Bolzano, durante l'opening della prima serata dedicata al Kronplatz By Night, manifestazione di pregio sul crinale principale delle Alpi e delle Dolomiti. Teli traspiranti, isolanti naturali e carta da parati saranno le materie prime per ogni abito scultoreo che veste il corpo: la sperimentazione materica guarda alle abitazioni, generando armonia tra individuo e involucro.

 

Volumi, forme inedite, geometrie e un tocco d'arte, grazie alla maestria e al savoir faire artigiano dello stilista Martin Alvarez che non rinuncia alla ricerca e all’uso di nuovi elementi applicati sui tessuti e le preziose stoffe, regalando originali emozioni tattili e visive. Riflettori accesi, dunque, sulla filosofia green che rispetta il pianeta preservandolo dalle emissioni inquinanti di CO2. «Bluehouse parte dalla passione per la vita, l'ambiente e l’uomo. Una passione che mi è stata tramandata dai saggi centenari», spiega il ceo Marco Bittuleri che, originario di Arzana, in Ogliastra, punta sul benessere fisico e interiore che contraddistingue gli abitanti della sua terra. Situata in Sardegna, è una delle cinque "Blue Zone" al mondo riconosciute per l'incredibile longevità dei suoi residenti che custodiscono il segreto dell’eterna giovinezza. Bellezza estetica e leggerezza architettonica rendono migliore l'esperienza abitativa in una casa che si autosostiene e contrasta l'inquinamento globale. Le tecniche artigianali, tramite uno studio accurato del territorio, si focalizzano sulla praticità di vivere in maniera confortevole all'interno di un luogo salubre e all'avanguardia. Un'iniziativa fashion volta a sensibilizzare sull'evoluzione del design contemporaneo, che abbraccia la moda sostenibile e strizza l’occhio all’ecologia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA