Bella Hadid sconfessa Victoria's Secret: «Mai sentita sexy a sfilare in mutande. Meglio Fenty di Rihanna»

Mercoledì 20 Novembre 2019 di Francesca Romana Buffetti

Mai sentita sexy a sfilare in mutande: parola di Bella Hadid. La supermodella, la donna dal viso perfetto, a stare alle regole della sezione aurea, durante il Vogue Fashion Festival di Parigi ha dichiarato di essersi sentita a proprio agio a camminare in passerella in lingerie solo quando ha indossato quella griffata Savage x Fenty, il brand firmato da Rihanna.

Bella Hadid è la donna perfetta, per la chirurgia estetica il suo volto è l'ideale di bellezza
Gigi e Bella Hadid derubate a Mykonos, il post al veleno su Instagram: «Andate altrove»

«Rihanna è fantastica. Per me è stata la prima volta su una passerella in cui mi sono sentita davvero sexy. Perché quando ho fatto Fenty per la prima volta, stavo facendo altri spettacoli di lingerie e non mi sono mai sentita potente in mutande su una passerella», ha detto al giornalista del Women's Wear Daily.
 


Sembra dunque che, dopo il mercato e le consumatrici, anche la più piccola delle sorelle Hadid sconfessi Victoria’s Secret e i suoi show. Quest’anno, infatti, dopo ben 23 anni in cui sono stati lanciati alcuni dei volti - e corpi - più celebri (da Gisele Bündchen a Irina Shayk, da Heidi Klum a Kendall Jenner), la sfilata non si farà. Eppure per anni riuscire a diventare un Angelo è stato uno degli obiettivi più ambiti per super top di tutto il mondo: casting severissimo, legato a misure precise (non meno di 1.75 l’altezza e corpo in linea con gli 81-61-86), fisico allenatissimo, comportamento impeccabile. Solo così si poteva sperare di indossare uno dei bra della collezione (magari il preziosissimo reggiseno-gioiello di ogni anno), ali comprese.
 
 

Questo fino al 2017, quando Rihanna ha lanciato la sua linea di intimo: un successo immediato, coronato con la prima sfilata newyorchese, a settembre 2018. Incurante dei canoni estetici richiesti da sempre alle indossatrici per mostrarsi in perizoma su una passerella, la pop star ha scelto magre, alte, basse, grasse, di diverse etnie e finanche una donna incinta, quella Slick Woods che da tempo si è fatta paladina dell’imperfezione e della diversità. Uno scossone nel fashion system, che ha incontrato il favore anche di molte top model chiamate a sfilare prima in un vecchio cantiere nella Grande Mela e poi, l’anno dopo, al Barclays Center di Brooklyn.

Ancora un successo strepitoso, complici non solo i volti noti (oltre a Gigi Hadid e Bella Hadid, hanno sfilato per lei Cara Delevingne, Joan Smalls e Slick Woods), ma anche una esibizione sul palco di Rihanna, trasmessa in esclusiva su Amazon Prime Video dal 20 settembre 2019. 

Che sia un sincero richiamo alla positività o una furba strategia di marketing, l’inclusività di cui la Rihanna si è fatta portabandiera ha per ora battuto su tutta la linea la tensione alla perfezione assoluta capeggiata da Victoria’s Secret (e dallo show del nostrano Intimissimi), anche nei favori della bellissima Hadid. 
 

Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma