Il genio di Jean Paul Gaultier in mostra a Parigi

Jean Paul Gaultier in mostra a Parigi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Aprile 2015, 16:14 - Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 19:02

​PARIGI - La prima esposizione dedicata al couturier francese Jean Paul Gaultier ha già accolto quasi un milione di visitatori a Montreal, dove è nata nel 2011, a Dallas, San Francisco, Madrid, Rotterdam, Stoccolma, New York, Londra e Melbourne.

Per la decima tappa l'esposizione si arricchisce di strutture progettate per Parigi al Grand Palais fino al 3 agosto 2015. Jean Paul Gaultier ha iniziato la carriera con il ready to wear nel 1976, prima di fondare la sua Casa nel 1997: soprannominato l'enfant terrible della moda dalla stampa fin dai suoi primi show negli anni Settanta, è senza dubbio uno dei più importanti stilisti degli ultimi decenni.

La mostra - che il progettista stesso considera una creazione completa e non solo una retrospettiva - riunisce 175 set tra haute couture e prêt-à-porter creati tra il 1976 e il 2015. La stella dell'hair style Odile Gilbert (Laboratorio 68), poi, ha inventato specificamente per ogni modello parrucche e creazioni.

Molti oggetti e documenti d'archivio sono esposti al pubblico per la prima volta: schizzi, costumi, filmati, video musicali, performance di danza e programmi televisivi illustrano le collaborazioni artistiche più emblematiche di Gaultier, nel cinema con Pedro Almodóvar, Peter Greenaway, Luc Besson, Marc Caro e Jean-Pierre Jeunet; nella danza contemporanea con Angelin Preljocaj, Régine Chopinot, Maurice Béjart, senza dimenticare il mondo del varietà francese con Yvette Horner, Mylène Farmer e del pop internazionale con Madonna e Kylie Minogue.

La mostra multimediale “Jean Paul Gaultier” celebra il coraggio e l'invenzione della moda d'avanguardia e esplora le sue fonti ispirate, eclettiche e impertinenti, attraverso otto sezioni tematiche che tracciano un percorso immaginario attraverso il lavoro dello stilista.

Ad aggiungere enfasi pensa, infine, la fotografia di moda attraverso stampe spesso inedite di fotografi e rinomati artisti contemporanei come Andy Warhol, Cindy Sherman, Peter Lindbergh, David LaChapelle, Richard Avedon, Mario Testino, Steven Meisel, Steven Klein, Pierre et Gilles, Paolo Roversi, Robert Doisneau.

© RIPRODUZIONE RISERVATA