Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il tacco diventa un bicchiere da champagne: ecco la Casadei Flûte Collection

La Casadei Flute Collection SS 2014
1 Minuto di Lettura
Martedì 29 Aprile 2014, 12:55 - Ultimo aggiornamento: 3 Maggio, 10:48
MILANO - Ispirazione anni Cinquanta per la collezione “Flte“ di Casadei: la linea sinuosa, ma decisa, del tacco si declina in diverse altezze, dai modelli pi bassi a quelli alti 10 centimetri. Proposto nelle décolleté e nei sandali, il Flûte completa alcuni temi distintivi Casadei: i pellami finemente lavorati e intagliati creano un gioco di trasparenze, il motivo borchiato reinterpretato interamente in pelle laserata e, infine, il nuovo tema animalier a stampa farfalle.



La collezione testimonia un nuovo modo di intendere la scarpa, un desiderio di semplificare volumi e altezze per un'inconsueta leggerezza. I plateau vengono nascosti, regalando alla postura slancio e pacatezza. Così anche gli altri modelli presentati per questa Primavera/Estate si richiamano alla cultura berbera marocchina e il suo decorativismo.



Evidente il richiamo alle dive del noir americano e alla loro sensualità pericolosa e ad uno spirito modernista nel trattare suggestioni, materiali e costruzioni. La nuova collezione Primavera/Estate 2014 di Cesare Casadei è un viaggio particolare che mischia atmosfere e culture distanti in un equilibrio nuovo, inaspettato.



Ovunque aleggia una allure da diva noir, come se la citazione esotica diventasse altro: ritorna quindi la pump ma in una versione moderna, affilata. Il gioco di trasparenze che regala è delle dark lady immaginate da James Ellroy, lo scrittore che ha raccontato il lato oscuro di Los Angeles negli anni Cinquanta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA