Ilaria, la capitana del volley sorde: «Champion camp per i bambini non udenti»

Mercoledì 10 Luglio 2019 di Vanna Ugolini
La squadra volley sorde che ha vinto gli Europei

Ilaria lo sa che senza la solidarietà non si raggiunge nessun traguardo. Ilaria lo sa che se è diventata una delle regine del volley italiano - è capitana della squadra che ha vinto gli europei, volley sorde, battendo avversarie blasonate che sembrava impossibile superare - lo deve anche a chi ha creduto in lei. Ilaria lo sa che la gratitudine è l'arma speciale con cui si vince nella vita. Così la capitana Ilaria Galbusera quest'estate mette in pratica quello che ha imparato in una vita di successi ma, anche, di salite e di scalate. Lei contribuisce a organizzare e sostiene i Champion's camp, campi estivi dove giocano insieme e fanno sport bambini e bambini sordi insieme a quelli udenti. Un'esperienza a doppio senso, dove ciascun partecipante impara l'inclusione, il rispetto per le abilità degli altri, dove si comunica con il linguaggio dei segni e dello sport. 

Funziona. Così bene che quest'anno, a ogni campus, i ragazzino sordi sono circa una settantina che si "mescolano" felicemente con circa duecento ragazzini udenti, «imparando allo stesso tempo la competizione leale che c'è nello sport». Il primo campus si è già concluso e Ilaria ci tiene moltissimo a che questa esperienza, al quinto anno di realizzazione, cresca e «possa coinvolgere il numero più alto possibile di ragazzi». 
«I prossimi camp di terranno a Marina Romea, dal 14 al 20 e dal 21 al 27 luglio. Beach tennis, beach volley, canoa, beach rugby, barca a vela e windsurf, tuffi in mare, giochi sulla sabbia e feste serali e tanto altro». Soprattutto, e Ilaria lo sa bene, anche il modo per dare «fiducia in se stesse alle persone sorde», quella fiducia che Ilaria ha avuto da chi le è stato vicino e che l'ha aiutata a vivere una vita piena, modella, atleta, una laurea, un lavoro. E ancora davanti, un futuro da campionessa. Di volley e di solidarietà.

Ultimo aggiornamento: 10:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA