Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Violenze, allarme del procuratore di Firenze: «Raddoppiati gli abusi di gruppo sulle ragazzine»

Violenze, allarme del procuratore di Firenze: «Raddoppiate le violenze di gruppo sulle ragazzine»
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Febbraio 2020, 15:17 - Ultimo aggiornamento: 15:55

É allarme per le violenze sessuali di gruppi compiute da minori su coetanee. «In preoccupante aumento», segnala la procura della Repubblica presso il tribunale dei minorenni di Firenze in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario: tra il 2018 e il 2019 questi reati sono più che raddoppiati, passando da 44 a 93 procedimenti complessivi.

Milano, molesta tre studentesse sul bus: arrestato sospetto seriale

L'analisi delle denunce, spiega il procuratore Antonio Sangermano, «porta a ritenere che tali gravissime forme di devianza minorile si nutrano ancora oggi di una inadeguata introiezione del significato della sessualità, vissuta talora dai giovani di sesso maschile in senso predatorio, consumistico e sessista. Queste considerazioni, preme sottolinearlo, trovano specifico fondamento negli esiti di indagine, negli stessi interrogatori degli indagati, nelle audizioni delle persone offese
».

Sempre più violenze sui minori in Italia: 8 vittime su 10 bambine e ragazze

In aumento anche i casi di detenzione di materiale pedo-pornografico, che da 23 passa a 31 procedimenti iscritti. «È frequente tra i giovani - aggiunge il procuratore - il fenomeno dei filmati intimi, di natura sessuale, che una minore trasmette, per lo più consensualmente, mediante applicativi telematici, ad un amico (quasi sempre il fidanzatino e compagno di scuola), il quale poi ne divulga i contenuti scabrosi a più persone, così tradendo la fiducia dell'amica e ledendone gravemente i profili esistenziali», conclude il magistrato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Della stessa sezione