“Nemmeno con un clic”, incontri in streaming sulla violenza contro le donne

Lunedì 18 Maggio 2020
“Nemmeno con un clic”, il ciclo di incontri in streaming sulla violenza contro le donne

«La violenza è sempre reale, anche quando è perpetrata sul web». "Nemmeno con un clic" è un ciclo di incontri in streaming per approfondire e tenere alta la questione della violenza contro le donne«Per chi, come il Movimento 5 Stelle, è nato nella rete, l'educazione digitale e il contrasto alle condotte violente e scorrette sul web è una cosa naturale. Non è un caso se grazie a noi l'Italia ha una legge che disciplina e sanziona il reato di Revenge porn». Nella diretta Facebook tra la senatrice M5S Cinzia Leone, vicepresidente della commissione d'inchiesta sul femminicidio, e la vice presidente del Senato Paola Taverna si è parlato del ruolo della donna, delle difficoltà della condizione femminile nella realtà sociale delle periferie di Roma.

Frida minacciata dall'ex ma le violenze ignorate dal Ctu, la sua via crucis in Parlamento

Chiara Ferragni, lacrime in diretta: «Ragazze, denunciate chi abusa di voi»

Mascherine contro la violenza e la mafia: un video con Luisa Ranieri, Geppi Cucciari e Malika Ayane

Giovedì, sempre alle 15.00, sarà il turno della diretta social tra Cinzia Leone e la sindaca di Roma Virginia Raggi. Dopo il tour 'Da donna a donna' ideato e portato in tanti comuni d'Italia da Cinzia Leone, nasce il ciclo di incontri in streaming con personaggi della società civile, della politica, dell'informazione, per continuare ad approfondire e a tenere alta la guardia sul fenomeno della violenza di genere e digitale. «Lo scorso 25 novembre - prosegue il post del MoVimento 5 Stelle - in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, abbiamo organizzato in Senato un evento importantissimo chiamato 'Nemmeno con un fiore, nemmeno con un clic', il cui messaggio era e resta uno solo: la violenza è sempre reale, anche quando è perpetrata sul web. Il nostro impegno e la nostra lotta contro l' odio on-line, e per la tutela delle donne vittime di violenza, continua. L'emergenza coronavirus ha, se possibile, reso ancora più importante parlare di questi temi. Perché la conoscenza del problema è il primo e forse il più importante strumento di prevenzione, di contrasto, di riscatto. È una battaglia prima di tutto culturale, che possiamo vincere soltanto insieme».

 

Ultimo aggiornamento: 20:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA