Senza il consenso delle pazienti asportava utero e chiudeva le tube: medico arrestato

Lunedì 11 Novembre 2019
Senza il consenso delle pazienti asportava utero e chiudeva le tube: medico arrestato

Un medico della Virginia è accusato di avere eseguito isterectomie (ossia asportazione dell'utero) e legato le tube di Falloppio a pazienti senza consenso.  Javaid Perwaiz, 69 anni, è stato arrestato e accusato di frode sanitaria e di aver fatto false dichiarazioni agli investigatori federali, secondo i documenti depositati nel distretto orientale della Virginia. In un caso, Perwaiz, ostetrico e ginecologo a Chesapeake, ha detto a una donna che aveva bisogno di un'isterectomia dopo aver scoperto «l'insorgenza imminente» del cancro, secondo i documenti. La paziente ha  chiesto un'operazione meno invasiva ma quando si è svegliata dall'intervento, «è rimasta traumatizzata nello scoprire che Perwaiz ha eseguito un'isterectomia addominale totale», racconta Ncb News. Nella cartella clinica della paziente non si faceva riferimento al cancro. In un altro caso, Perwaiz ha eseguito un'isterectomia su una donna scrivendo nelle cartelle cliniche che soffriva per «dolore pelvico cronico, pressione e crampi persistenti». La donna ha raccontato agli investigatori che non aveva manifestato nessuno di quei sintomi e Perwaiz l'aveva avvertita solo delle potenziali conseguenze, incluso il cancro, se non fosse stata sottoposta alla procedura.

Medico le strappa l'utero per errore, donna muore dopo il parto. «Perdita di sangue fatale»

Ha un cancro al collo dell'utero ma i medici sbagliano la diagnosi: ora non potrà più avere figli

Un'altra donna che ha visto Perwaiz per una gravidanza extrauterina in seguito ha visitato uno specialista della fertilità per aiutare a rimanere incinta. Lo specialista ha affermato che entrambe le sue tube di Falloppio erano «state bruciate fino alle protuberanze, rendendo impossibile il concepimento naturale», secondo i documenti. Perwaiz ha affrontato otto cause per negligenza, tra cui accuse di aver causato lesioni permanenti a tre pazienti e lesioni pericolose per la vita ad altri due e di non aver usato tecniche che non erano invasive. Al momento del suo arresto, Perwaiz lavorava al Maryview Medical Center di Bon Secours e al Chesapeake Regional Medical Center, secondo il Virginian-Pilot.

© RIPRODUZIONE RISERVATA