Tumori e protesi al seno, un manifesto contro le fake news

Lunedì 14 Ottobre 2019
Tumori e protesi al seno, un manifesto contro le fake news

Troppe fake news sul tumore al seno e sulle protesi. Le specialiste chirurghe plastiche e le senologhe hanno lanciato un manifesto per spazzare via la confusione e le notizie fasulle che circolano su forum e social network sui rischi legati alle protesi al seno e allo sviluppo del linfoma anaplastico a grandi cellule (Alcl), un tumore raro che si sviluppa in prossimità dell'impianto mammario.

L'allarme è ricomparso dopo i casi di protesi ritirare in Francia lo scorso anno. A realizzare il manifesto, “Donna x Donna presentato  a Roma le specialiste coordinate dalla onlus Beautiful After Breast Cancer Italia. Il manifesto è stato firmato da oltre 45 specialiste di tutti i centri senologici italiani. «A circa una donna su 8 viene diagnosticato il tumore al seno nel corso della propria vita e circa la metà (47%) di queste donne prende in considerazione la possibilità di sottoporsi ad una ricostruzione mammaria - ricordano le firmatarie del manifesto - Alla già scarsa disponibilità di informazioni complete sulle opzioni disponibili della chirurgia ricostruttiva, ora si sommano nuovi allarmi che scatenano i dubbi delle donne. Una su tre è preoccupata per quello che sente e legge su questo tipo di problema».

Il reggiseno Stella McCartney e Adidas

Tumore all'utero, nuova terapia genica rivoluzionaria: «Guarigioni al 100%», test sui topi

Tumore al seno, Sheryl Crow sopravvissuta al cancro è tra le testimonial della campagna Ralph Lauren

Il linfoma anaplastico a grandi cellule è una malattia molto rara. «In Italia il ministero della Salute stima 2,8 casi su 100.000 pazienti e complessivamente oggi nel mondo sono stati diagnosticati 573 casi su circa 35 milioni di protesi mammarie impiantate - spiegano - pertanto il rischio si rivela molto basso se paragonato al numero di protesi impiantate nel mondo nel corso degli ultimi decenni». L'obiettivo del pool di donne medico è quello di dare le corrette informazioni sul linfoma Acld correlato «seppure raramente con le protesi per il seno», sottolineano le esperte. Il 16 ottobre si celebra anche il 'Bra Day 2019' (Breast reconstruction awareness Day), la giornata internazionale per la consapevolezza sulla ricostruzione mammaria, a cura di Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus insieme alla Società Italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva-rigenerativa ed estetica (Sicpre).  Il manifesto verrà distribuito nei prossimi mesi negli ambulatori e nelle sale d'attesa dei reparti di chirurgia plastica e nei centri di senologia, oltre che tramite i social e sui media. «Il documento è a cura di un comitato promotore, tutto al femminile, e lo stanno firmando moltissime colleghe chirurghe plastiche e senologhe che si uniscono a noi giorno per giorno per contribuire ad un'informazione esaustiva che supporti maggiormente le donne a fare scelte consapevoli e le inviti a non trascurarsi e a monitorare la propria salute, sempre», sottolinea Adriana Cordova, Ordinario di chirurgia plastica dell'Università di Palermo Policlinico Universitario Giaccone di Palermo. Le senologhe e i chirurghi plastici di Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus hanno risposto a 10 domande ricorrenti che spesso le pazienti sottopongono ai medici o nei social. 

Ultimo aggiornamento: 15:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA