DONALD TRUMP

Il #MeToo rischia di affossare Bloomberg e la sua campagna elettorale per la Casa Bianca

Giovedì 20 Febbraio 2020

Il movimento #MeToo rischia di affossare Michael Bloomberg, il candidato democratico per la Casa Bianca che sta scalando i sondaggi con una campagna di spot pubblicitari da 400 milioni di dollari, la più costosa della storia americana. Ieri è stato messo con le spalle al muro dal movimento #MeToo ed è stato anche criticato per avere discriminato le minoranze nere e ispaniche quando era sindaco di New York con lo 'stop and frisk', la prassi di fermare e perquisire i sospetti neri e ispanici.

La senatrice Elizabeth Warren ha rinfacciato a Bloomberg i suoi commenti sessisti sulle donne e gli accordi di riservatezza per sistemare le accuse di molestie sessuali nell'ambiente di lavoro. «Vorrei parlare di una persona contro cui corriamo: un miliardario che chiama le donne ciccione e lesbiche con la faccia da cavallo. No, non sto parlando di Trump, ma di Bloomberg», ha incalzato, ammonendo che « i democratici si prendono un grosso rischio se sostituiscono un miliardario arrogante con un altro».

Il magnate ha tentato di difendersi assicurando che nella sua societa' le donne hanno un ruolo importante e che non e' tollerato nessuno dei comportamenti denunciati dal movimento #Metoo. Ma quando si e' rifiutato di mettere fine agli accordi di riservatezza, precisando che nessuno lo ha accusato di aver fatto nulla di male anche se forse qualche sua battuta non e' piaciuta, si e' beccato i 'buu' del pubblico. Bloomberg però non ha dubbi: «solo io posso battere Donald Trump e ho l'esperienza per fare il presidente, perche' sono stato sindaco della citta' con piu' diversita', imprenditore, manager, filantropo. Sanders non ha alcuna chance di riprendere la Casa Bianca, avremo Trump per altri quattro anni».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA