Basta obbligo di tacchi alti in ufficio: "KuToo" è la rivolta delle giapponesi

Lunedì 3 Giugno 2019
La protesta contro i tacchi a spillo
Basta tacchi alti in ufficio. Le donne in Giappone si ribellano alla tortura dei 12 centimetri ai piedi, praticamente un obbligo per le dipendenti. Si chiama "KuToo", è il movimento di un gruppo di donne guidate dall'attrice e scrittrice Yumi Ishikawa che ha presentato una petizione al governo chiedendo l'introduzione di una legge che proibisca ai datori di lavoro obbligare le dipendenti a indossare calzature eleganti.
Dal 
“MeToo” al  KuToo”, un gioco di parole: il termine "kutsu"  in giapponese significa scarpe e "kutsuu" significa dolore. Per le lavoratrici è in pratica un dovere indossare le scarpe con tacco alto, una regola non scritta. Nessuna libertà di mettere ai piedi ballerine o sandali rasoterra. Un obbligo che viene considerato dalle femministe una forma di discriminazione sessuale. Il movimento "KuToo" è cominciato qualche mese fa dopo che Yumi Ishikawa ha protestato, via Internet, contro un hotel che rendeva obbligatorio indossare tacchi alti per avere un posto di lavoro. Per le attiviste un simile obbligo è la versione moderna della terribile fasciatura ai piedi che era in uso nella Cina imperiale. © RIPRODUZIONE RISERVATA