Siria, appello bipartisan delle donne italiane per il popolo curdo

Mercoledì 16 Ottobre 2019

«Non parlateci più di valori occidentali se non sapete difendere il popolo curdo». Oltre cento donne - giornaliste, scrittrici, parlamentari, artiste, attiviste e studiose - hanno già aderito all'appello tutto al femminile lanciato in rete insieme a Le Contemporanee per fermare la guerra nel Rojava. E le adesioni crescono di ora in ora, sono già migliaia, anche in vista di una manifestazione a Roma che potrebbe tenersi la prossima settimana.
Tra i firmatari Ritanna Armeni, Susanna Camusso, Elsa Fornero, Lia Levi, Maria Laura Rodotà, Mina Welby, Giovanna Melandri, e Nathania Zevi. Si è aggiunta anche la vicepresidente della Camera, Mara Carfagna.
Siria, la lettera delle donne curde al mondo: «Combatteremo fino alla pace»

Il nuovo conflitto, spiegano le promotrici, scuote le coscienze femminili in modo speciale «perché siamo tutte consapevoli che è sotto attacco una enclave culturale unica in quell'area, che rispetta la parità femminile e i diritti delle donne fino a farne il simbolo delle sue aspirazioni di libertà».
«Una mobilitazione spontanea, che punta a smascherare le ipocrisie su temi di politica estera e di difesa dei diritti di donne, uomini e bambini, in una parte di mondo martoriata ormai da molto tempo», dichiara il gruppo. «L'obiettivo è più ampio di un semplice j'accuse nei confronti di una politica troppo molle davanti a stragi di diritti umani e di popoli, davanti alla indignazione di breve durata. Si punta a una manifestazione su cui molte donne stanno ragionando».

© RIPRODUZIONE RISERVATA