ROMA

Sfilata spettacolo contro la violenza sulle donne: in passerella anche una vittima in carrozzina

Mercoledì 13 Novembre 2019 di Anna Franco
La soubrette Cosetta Turco alla scorsa edizione dell'evento. Ph Mezzenga Team.

Tanti modi in uno, tra spettacolo, sfilata e performance artistiche, la sera del 22 novembre, presso il Chiostro del Bramante, nel pieno centro di Roma, per dire no alla violenza con una raccolta fondi e con la sensibilizzazione, quella che aiuta a ricordare e soprattutto a non voltare le spalle.
La charity night Et in Terra Pax, organizzata dal centro antiviolenza Marie Anne Erize in collaborazione col Chiostro, prevede una sfilata di quindici abiti da sposa vintage reinterpretati e decorati da altrettanti artisti, come Alessia Babrow, Bifido, MotoreFisico, ControlloRemoto, Teddy Killer, Francesca Murgia, Giusy Guerriero, Lilly Meraviglia, Nicoletta Guerrieri, Pier The Rain, Rame13, Warios, tutti ispirati alla donna, alla sua condizione e alla data del prossimo 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza di genere.

A indossarli giornaliste, artiste, imprenditrici, stiliste e amiche e sostenitrici del progetto.
Tra tutte la guest star sarà Gloria Boemia Hoffmann, vittima di un tentativo di femminicidio nel 2014, a opera del suo ex compagno, che le aveva sparato in volto un colpo di fucile mentre dormiva. Malgrado la violenza l'abbia lasciata in carrozzella e le abbia fatto perdere un occhio, l'udito da un orecchio e deformato il cranio, ha fermamente deciso di voler essere anche lei in passerella per dimostrare che si può e si deve tornare a vivere.
Sotto le luci ci saranno non solo donne, ma anche un uomo, Aloha streetart, artista dai successi internazionali che vestirà un abito bianco, interpretando il tema della serata e sottolineando la sua appartenenza alla comunità LGBTQ di Roma.

Premio Camomilla, sfilata di star contro la violenza sulle donne

«La Cura: no alla violenza, sì al recupero. Una sfilata di moda per fermare il femmicidio»

In mostra, tra le arcate del Chiostro del Bramante, opere che potranno essere acquistate esattamente come gli abiti, unendo al piacere dell'acquisto di qualcosa di unico anche l'impegno sociale.
Momenti teatrali e musicali accompagnati dalla conduzione di Stefania Catallo, presidente del centro antiviolenza, e dello stilista Franco Ciambella ravviveranno ulteriormente la serata.
L'ingresso è aperto a tutti con un biglietto di 10 euro, che verranno interamente devoluti alle attività del Centro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA