Nessuna donna alla guida di tg e reti Rai, non si placa la protesta per le nuove nomine

Martedì 19 Maggio 2020

Donne escluse dai vertici Rai, monta la protesta. Nell'ultima tornata di nomine, i sei posti di direttori di tg e reti principali sono andati a uomini. Giuseppina Paterniti ha lasciato la direzione del Tg3 per fare spazio a Mario Orfeo, e Silvia Calandrelli è stata spostata ad appena quattro mesi dalla nomina dalla guida di Rai 3 per fare spazio a Franco Di Mare. Due accantonamenti che hanno fatto discutere, perché a entrambe, Paterniti e Calandrelli, era stato riconosciuto di aver svolto un ottimo lavoro. 

«I cambiamenti nelle direzioni del Tg3 e di Raitre, di fatto, azzerano la governance femminile nella televisione pubblica, sacrificando l’attuale e democratico principio costituzionale della parità di genere e di pari opportunità, al vecchio ed obsoleto modello di spartizioni politiche e vanificando gli sforzi fin qui ottenuti, sul piano normativo, per una comunicazione e una governance degli enti più rappresentativa dei generi», protesta Noi Rete Donne, associazione femminile che da oltre un decennio è impegnata sui temi della democrazia paritaria. «Consideriamo tali decisioni come gravi atti dal punto di vista democratico, etico, sociale e culturale prima ancora che una violazione delle norme e le regole che promuovono e realizzano le pari opportunità nel nostro Paese».

Rai, Orfeo direttore del Tg3, Di Mare alla guida di Rai3, Paterniti all'Offerta informativa, Sala al Gr

Coronavirus, la Rai finisce sul banco degli imputati: in ritardo, ha fatto poco servizio pubblico

Paterniti conquista la direzione dell'Offerta Informativa Rai (ruolo ricoperto prima da Carlo Verdelli) e Calandrelli è entrata nel Cda di RaiCom. Ma questi nuovi incarichi non placano le proteste. Tra le prime ad esprimere il dissenso è Laura Boldrini. «Nessuna donna alla guida di un Tg o di una rete Rai. Nelle zone di guerra vanno bene, ma quando si tratta di dirigere l’informazione e la programmazione di rete, l’azienda finge che non esistano. È tempo di dare alle donne ciò che è delle donne», ha scritto su Twitter la parlamentare dem.

 

Anche l'ex ministro Livia Turco boccia le nomine:«Colpisce che due professioniste di così grande talento non siano state confermate nei loro ruoli. Colpisce che il merito di queste due giornaliste non sia stato riconosciuto e valorizzato, colpisce che senza battere ciglio due uomini sostituiscano due donne di valore quando forte si è levata dalla società la necessità di smetterla con luoghi pubblici e professionali occupati solo da uomini»

«Donne direttori nei Tg e reti Rai. Rai Governo Renzi: 50%, 3 direttori donne (Colucci, Dallatana, Bignardi) e 3 direttori uomini (Orfeo, Mazzà, Fabiano). Rai Governo Conte M5s: 0%, 6 direttori uomini (Carboni, Sangiuliano, Orfeo, Coletta, Di Meo, Di Mare). Trova le differenze», il commento su Twitter del deputato di Italia Viva e segretario della commissione di Vigilanza Rai, Michele Anzaldi.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA