Giulia, la prof che porta la scuola a domicilio: «Lezioni in camper sotto casa degli studenti»

Giovedì 28 Maggio 2020
Giulia, la prof che porta la scuola a domicilio: «Lezioni in camper sotto casa degli studenti»
La professoressa Giulia Zaffagnini, 26 anni, di Faenza, porta la scuola a domicilio. Parcheggia il suo camper soprannominato Jolly sotto casa degli studenti, tira fuori la lavagna e fa lezione. «Se i ragazzi non possono andare a scuola, perché non portare la scuola a domicilio?». Ne ha parlato con la dirigente dell'istituto comprensivo San Rocco, come riporta il Corriere Romagna,  ha rispolverato il suo vecchio camper, un Volkswagen Westfalia del 1987, e ha così inventato la prima scuola “on the road” in Italia. La sua idea è diventa il “Progetto scuola senza frontiere”.

In aula Giulia seguiva alcuni studenti
 delle medie extracomunitari che, con la didattica a distanza, hanno avuto naturalmente più problemi. 
«Facevo già didattica uno a uno e questo di sicuro ha agevolato la creazione del progetto, ma se fossi una docente curricolare forse con una classe di venti ragazzi non sarebbe possibile. Con loro la didattica online aveva dei gap veramente molto ampi».




Lezioni sottocasa, con le scuole chiuse.
«I riscontri che ho avuto da parte loro sono stati molto positivi, perchè mi hanno detto di essere un po' stanchi di ritrovarsi tante ore davanti al computer. La cosa principale che mi ha fatto scattare l’idea è stato che di solito in presenza, per spiegare una cosa, ci metto dieci minuti, mentre con la didattica online ci ho messo anche un’ora intera. Quindi principalmente tutto è nato dalla frustrazione, mia e dei ragazzi, data da un momento di emergenza come quello attuale. Quando uno è in difficoltà forse riesce a trovare delle soluzioni a queste difficoltà. Tutti gli insegnanti, secondo me, hanno avuto il loro ruolo in questo periodo e sorridendo a volte mi viene da dire quasi grazie a questa emergenza che mi ha dato modo di svilupparmi a livello creativo».






Giulia Zaffagnini dallo scorso mese di settembre segue Kaltra, Modou, Sharif e Battista, quattro ragazzi tra gli 11 i 14 anni che frequentano la scuola secondaria di primo grado Bendand. Da un’abitazione all’altra, un paio di volte a settimana, un’ora per ciascun alunno.  «Al sopraggiungere dell’emergenza - dice la preside Marisa Tronconi -  mentre tutti si sono organizzati per portare avanti la didattica a distanza, Giulia ha avuto un’idea geniale: non si tratta di una scuola alternativa, ma dettata dall’emergenza, possibile per disponibilità personale, perché gli alunni da seguire sono pochi, quindi fattibile. Rientra nei tentativi di comunicazione, di creare quell’empatia che dietro a un personal computer è pressoché impossibile. Con le scuole dell’infanzia stiamo tentando con un ristretto numero di bambini per volta anche lezioni al parco».



  © RIPRODUZIONE RISERVATA