Partorisce all'alba e poche ore dopo si laurea: Elisa, supermamma da 110 e lode

Lunedì 15 Giugno 2020
Partorisce all'alba e poche ore dopo si laurea: Elisa, supermamma da 110 e lode

All'alba nasce Riccardo e qualche ora dopo mamma Elisa si laurea. Cento dieci e lode gli appalusi di medici e infermieri del reparto. Una doppia festa per la ventinovenne friuliana, dottoressa per la seconda volta. Dopo la laurea in Economia aziendale, quella in Scienze della formazione primaria. É stato possibile grazie al collegamento via internet con l'ateneo di Udine. Dopo una notte di travaglio la 29enne, originaria di Tolmezzo, in provincia di Udine, ha partorito all'alba. E qualche ora dopo la nascita di Riccado, Elisa discuteva la tesi.

Fa l'esame di maturità, si assenta mezz'ora per partorire e torna in aula a concludere il test

Giada la supermamma: partorisce il giorno prima dello scritto e si diploma

Belluno, Alessia partorisce il piccolo Lorenzo poi va a fare l'esame di maturità

«Senza la didattica a distanza, in effetti, Elisa avrebbe dovuto rimandare tutto a luglio» hanno confermato dall’Ateneo. «È  stato un giorno memorabile. Dopo la nascita di Riccardo mentalmente avevo già rinunciato alla laurea. Devo ringraziare tutto il reparto che mi ha incoraggiato e preparato», ha confessato la supermamma al
Corriere della sera. Il parto è arrivato in anticipo, scombinando i piani di Elisa Floreani. La nascita del piccolo era prevista per qualche giorno più in là e invece è arrivata proprio quando era fissata la seduta di laurea.
«Mercoledì sono andata per il monitoraggio di routine e hanno deciso di ricoverarmi. È stata una fortuna, nella notte ho avuto improvvisamente delle perdite» ha raccontato la neomamma. Per Elisa si tratta della seconda laurea dopo quella in Economia aziendale. «Io sono abituata a fare mille cose. Non mi sentivo per niente stanca dopo il parto, anche se l’emoglobina si era dimezzata e i medici mi dicevano di fare presto». Il marito Alessandro le ha portato il pc in reparto, la mamma si è collegata con l'ateneo. Una mamma da 110 e lode. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA