Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il primo presepe contro il gender gap in Vaticano, Giuseppe culla Gesù e Maria si riposa

Il primo presepe contro il gender gap in Vaticano, Giuseppe culla Gesù e Maria si riposa
di Franca Giansoldati
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Dicembre 2019, 16:49 - Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 14:11

Tra tutti i presepi che ha ricevuto in dono in questi giorni Papa Francesco ce n'è uno che lo ha colpito particolarmente. Si tratta di una natività moderna, quasi paritaria, dove è Giuseppe a cullare il piccolo Gesù e ad accudirlo, mentre Maria, a fianco, si riposa. Questo presepe è stata l'occasione per affrontare il tema del lavoro domestico a carico delle donne, un aspetto spesso dato per scontato o addirittura trascurato.

Nel corso dell'ultima udienza generale, prima di Natale, il pontefice ha raccontato divertito di avere ricevuto in regalo la singolare natività. «Mi hanno regalato un’immaginetta di un presepe speciale, piccolina, e si chiamava “lasciamo riposare mamma”, e c’era la Madonna addormentata e Giuseppe col bambinello, che lo faceva addormentare. Quanti di voi – ha proseguito il Papa rivolgendosi ai fedeli presenti in quel momento nella Aula Nervi  – dovete dividere la notte fra marito e moglie per il bambino, la bambina, che piange piange piange… “lasciate riposare mamma”, questa – ha chiosato il Papa – è la tenerezza di una famiglia, di un matrimonio».

Secondo il Global Gender Gap Report 2020 del World Economic Forum per la parità tra uomini e donne, in tutti i settori della vita, politica compresa, la strada è ancora lunga: 99,5 anni per l’esattezza.  Ancora più lunga l’attesa per la parità a livello di accesso alla partecipazione economica: ben 257 anni a livello globale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA