L'omicidio di Pamela Mastropietro arriva al parlamento europeo

Venerdì 15 Novembre 2019
Pamela Mastropietro

Del caso di Pamela Mastropietro, la diciottenne romana uccisa e fatta a pezzi a Macerata a fine 2018, si parlerà al parlamento europeo in un convegno promosso da Identità e Democrazia in vista della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.
«Ringraziamo l'europarlamentare Luisa Regimenti  che ci ha dato questa occasione», afferma Marco Valerio Verni, legale della famiglia di Pamela e zio della ragazza: è stata proprio la deputata europea a promuovere il convegno dal titolo
Il muro delle Bambole - Combattere la violenza contro le donne - In memoria di Pamela Mastropietro. Era 29 gennaio 2018 quando sui giornali appare la foto di una ragazzina di 18 anni, scomparsa. Pamela Mastropietro era fuggita dalla comunità per tossicodipendenti dove era ospite da tre mesi, a Corridonia (Macerata), portando con sé solo due valigie di colore blu e rosso. Verrà ritrovata cadavere in quelle stesse valigie due giorni dopo. Per l'omicidio è stato condannato dalla Corte di Assise di Macerata all'ergastolo il pusher nigeriano Innocent Oseghale, accusato di aver violentato, ucciso e fatto a ezzi la 18enne romana.

Pamela Mastropietro, l'opera choc: lei è la Madonna, e Oseghale Gesù Bambino

Pamela Mastropietro, su Facebook le foto choc: «Non FaceApp, ma come mi ha ridotto l'immigrazione criminale»

«Sarà un momento molto importante - sottolinea l'avvocato Verni - Porteremo la storia di Pamela, con tutti gli aspetti ad essa connessi, nella massima istituzione europea. Parleremo di Pamela, della mafia nigeriana, della violenza di genere e in tal caso della violenza contro il genere umano perché ciò che è stato fatto a Pamela va oltre la violenza contro una donna: è una violenza contro l'umanità intera». Regimenti (europarlamentare leghista del Gruppo Identità e Democrazia) è stata anche consulente di parte civile della famiglia di Pamela nel processo che si è celebrato davanti alla Corte di Assise di Macerata, terminato con la condanna all'ergastolo in primo grado per Innocent Oseghale.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA