ROMA

Roma, ragazzo disabile escluso dai laboratori sociali del Comune. La mamma: «Come glielo dico?»

Domenica 24 Novembre 2019 di Laura Bogliolo
Alba, la mamma sola con figlio disabile grave: mio figlio escluso dai laboratori sociali

E' la mamma di un ragazzo disabile al cento per cento, ha 72 anni ed è sola. Suo figlio per anni ha frequentato i laboratori socio-occupazionali di Capodarco. «Ora però Giuseppe è a casa, è stato escluso dalle graduatorie e continua a chiedermi quando tornerà a lavoro e io non so cosa rispondergli». L'unica possibilità data al figlio di Alba Carmela Oppedisano, romana, vedova, è stata la frequenza dei corsi una settimana al mese. La storia di suo figlio, Giuseppe Zappia, è solo la punta dell'iceberg di una vicenda complessa che alla fine ha creato problemi a 60 famiglie.

“Dopo di noi”, la lotta delle mamme di figli disabili. Elena Improta: «Più soldi per chi rimarrà solo»

La comunità di Capodarco ha avuto problemi amministrativi. Il servizio è stato messo a bando e il Comune ha deciso di pubblicare una gara per creare quindi le graduatorie. «Mi aspettavo che fosse rispettato il criterio della continuità, dando ai ragazzi che per anni hanno partecipato ai laboratori di poter proseguire i loro percorsi». E invece dei 60 disabili che per anni hanno usufruito dei servizi, 11 sono rimasti fuori perché over 50, altri 19 perché partecipano ad altre attività del Comune. «Ma i laboratori sociali di Capodarco sono un'altra cosa, se mi avessero chiesto di rinunciare all'attività che svolge oggi a favore dei laboratori socio-occupazionali lo avrei fatto, ma nessuno mi ha interpellata e ora mio figlio è rimasto fuori».

LEGGI ANCHE "Dopo di noi", la lotta delle mamme di figili disabili

Alba Carmela vuole chiarezza, trasparenza: «Voglio sapere il motivo per cui mio figlio è stato escluso, voglio vederci chiaro, ovviamente non è una battaglia con gli altri ragazzi». Il 18 novembre sono ripartiti i laboratori, ma Giovanni non è stato chiamato. «Come lui altri 18 disabili per i quali sono rimasti soltanto 5 posti a disposizione che possono essere ricoperti soltanto a rotazione. Dopo varie richieste all’assistente sociale del Comune - racconta la mamma - è stato inserito in un centro diurno per due giorni a settimana di pomeriggio limitatamente a due ore giornaliere. Solo dal mese di ottobre i giorni sono diventati tre».

I genitori si sono uniti nel “Comitato Noi per i Laboratori Sociali”. «Il nuovo bando non ha la clausola di continuità, riparte da zero, ed esclude gli over 50, ossia 11 persone. E' stato diviso in tre lotti e la cooperativa Capodarco servizi Onlus ha vinto il secondo: i posti disponibili sono 36» spiega Giovanni Lo Giudice, presidente del comitato. Cinquanta famiglie hanno scelto di essere inserite nelle graduatorie per partecipare al secondo lotto. «Sono stati accettati 31 disabili, quelli che non partecipavano ad altre attività del Comune, criterio che ha escluso 19 persone. In realtà i criteri delle graduatorie sono molti e non solo la partecipazione ad altri progetti. Ora andiamo per le vie legale – dice Lo Giudice - chiediamo accesso agli atti, vogliamo vedere le graduatorie, le schede socio-sanitarie e vogliamo sapere i criteri seguiti per la graduatoria».

Alba Carmela intanto non si arrende. «Ho dovuto combattere tutta la mia vita per Giuseppe, sono andata via dalla Calabria proprio per assicurargli un futuro migliore». Poi c'è quel pensiero, quel macigno che l'angoscia. «Quando io me ne sarò andata chi penserà a mio figlio? Sarà in balia delle onde...”. Il “dopo di noi” è una tema centrale per le famiglie che assistono disabili gravi. «Nel frattempo c'è il “durante noi”, l'impegno costante per assicurare una vita migliore».

Ultimo aggiornamento: 14:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA