Donne (senza) lavoro, in Italia 4 madri su 10 scelgono il part-time per non perdere il posto

Donne e lavoro, in Italia 4 madri su 10 scelgono il part-time piuttosto che perdere il posto
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Ottobre 2019, 10:15 - Ultimo aggiornamento: 10:16

«Ostacoli insormontabili che le donne, in particolare le mamme, si trovano ad affrontare quotidianamente». «Una scarsa rete di servizi per la prima infanzia» che non rende possibile conciliare lavoro e famiglia. La società fotografata da queste parole non è quella di un Paese lontano, culturalmente o geograficamente, ma il nostro. L'Italia. Lo dice Raffaela Milano, Direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the Children, commentando i dati Istat pubblicati ieri, martedì 8 ottobre, sul mondo del lavoro

LEGGI ANCHE Istat, in Italia lavora solo una donna su due: totale mancanza di sostegni

Dal rapporto emergeva che solo il 56,2% delle donne partecipa al mercato del lavoro e il tasso di occupazione non supera il 50%: i valori, insieme a quelli della Grecia, sono tra i più bassi di tutta l'Ue dove il tasso di attività è pari al 68,3% e quello di occupazione al 63,4%. Save the Children va più a fondo e nel rapporto “Le equilibriste. La maternità in Italia” sottolinea che, tra le donne di età compresa tra i 25 e i 49 anni con figli minorenni a carico, più di 4 su 10 non hanno un lavoro. Non solo: più del 40% di tutte le madri, di qualsiasi età, con almeno un figlio, preferisce il part-time pur di continuare a mantenere un'occupazione. 

LEGGI ANCHE Svizzera, l'onda viola delle donne: in sciopero per la parità

Quello che manca, dice Milano, è un progetto politico serio e strutturato di sostegno alla genitorialità sul medio e lungo termine. «Ề fondamentale che il nuovo Governo dia seguito agli impegni annunciati in favore delle famiglie, investendo risorse adeguate per aumentare l’offerta degli asili e per favorire la conciliazione di entrambi i genitori tra lavoro e vita privata così come indicato dall’Europa». Il quadro è poi aggravato, secondo Save the Children, da un contesto storico in cui la natalità è la più bassa mai registrata: le nascite nel 2018 sono state meno di 440mila. Insomma, l'ennesima conferma del fatto che fare figli, oggi, è un lusso che non tutti si possono permettere. Può ancora voler dire dover scegliere tra vita privata e carriera. 

LEGGI ANCHE Mind the gap, Paola Cortellesi: «Discriminata e pagata meno, ora ho vinto»
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA