Consiglio d'Europa: «Troppi ostacoli per i diritti delle donne, le vittime di violenza spesso senza giustizia»

Giovedì 5 Marzo 2020
Consiglio d'Europa: «Troppi ostacoli a realizzare i diritti delle donne, le vittime di violenza spesso senza giustizia»

«Alla vigilia dell'8 marzo nell'anno in cui si celebra il venticinquesimo anniversario della dichiarazione di Pechino è triste rendersi conto che molte sfide individuate 25 anni fa sono ancora oggi presenti in Europa, dove i progressi in alcuni settori sono bloccati a causa di ostacoli strutturali persistenti e crescenti contraccolpi ai diritti delle donne combinati alla mancanza di una risposta adeguata e forte da parte degli Stati». É l'allarme lanciato da Dunja Mijatovic, commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa in occasione della giornata delle donne, che chiama «l'intera società, giovani e anziani, donne e uomini, a denunciare violenza e discriminazione, perché l'attuazione dei diritti delle donne dipende da ciascuno di noi».

La suora economista alle donne: «Non abbassiamo la guardia, tante conquiste ancora da fare»

La violenza
Nel fare il punto sulla situazione attuale la commissaria evidenzia che «la violenza contro le donne è un'amara realtà per troppe di loro in tutti gli Stati membri del Consiglio d'Europa» e che «nonostante i recenti movimenti contro la violenza sessuale, le donne che hanno il coraggio di denunciare quanto subito devono ancora affrontare sfide enormi per ottenere giustizia».

Parlamento Ue si muove per la prossima Conferenza Onu, più inclusione delle donne nel mercato del lavoro

I social
La commissaria evidenzia anche che «con la crescente popolarità dei social media il discorso d'odio sessista ha raggiunto dimensioni preoccupanti e questo sta creando un nuovo terreno fertile per la violenza contro le donne». A questo si aggiungono «i contraccolpi contro i diritti delle donne, sostenuti dai movimenti ultraconservatori, particolarmente preoccupanti perché mettono in pericolo i progressi per l'eguaglianza di genere fatti sinora», prosegue la commissaria che raccomanda di «restare vigili per prevenire l'indietreggiamento dei diritti delle donne». A rischiarare questa 'cupa fotografià, dice Mijatovic, ci sono «le immagini di migliaia di donne che nonostante gli attacchi, le minacce, le molestie che subiscono continuano a lottare contro la violenza e per il pieno riconoscimento dell'uguaglianza di genere». Nel rendere omaggio al loro coraggio e affermando che è al loro fianco Mijatovic reputa che la mobilitazione della società civile non è comunque sufficiente e invita le autorità di ogni Stato «a fare la loro parte».

Convenzione di Istanbul: «La violenza contro le donne è una violazione di diritti»

Ultimo aggiornamento: 17:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA