Emergenza denatalità, Carfagna e Gelmini: «Subito aiuti per sostenere le mamme»

Martedì 11 Febbraio 2020
Emergenza denatalità, Carfagna e Gelmini: «Subito aiuti per sostenere le mamme»
Nel 2019 sono nati solo 435mila bambini, mai così pochi. Per ogni 100 morti ci sono solo 67 neonati. L'Istat fotografa l'emergenza natalità«Nell'ultimo biennio, in particolare, tra le donne residenti in età feconda (convenzionalmente di 15-49 anni) si stima una riduzione di circa 180mila unità».

Istat, 116 mila residenti in meno in Italia nel 2019: mai così poche nascite

Un declino, quello demografico, che va affrontato nel più breve tempo possibile: servono misure a sostegno della maternità. 
«Dobbiamo considerare la bassa natalità come una delle emergenze principali di questo Paese», commenta in un post su Facebook il vicepresidente della Camera Mara Carfagna. «Una donna non può più essere costretta a scegliere tra carriera e famiglia: lavoriamo subito a un assegno unico che aiuti le madri a tornare al lavoro dopo la maternità, premiamo le imprese che sostengono l'occupazione femminile, concediamo uno sconto di un anno sull'età pensionabile per ogni figlio (Quota mamma). Sono alcune delle proposte che abbiamo inserito nel nostro Women's Act e che diventano sempre più urgenti. Siamo tutti stanchi di polemiche e scontri tra partiti. Occupiamoci degli italiani, del nostro futuro», conclude la deputata forzista».

Emergenza denatalità: «Ogni anno l'Italia perde una città come Reggio Emilia»


«La prima cosa da fare è aiutare le donne
», afferma Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera. «Nel lavoro, nella maternità, nella conciliazione tra carriera e famiglia. Mettere al mondo dei figli è un dono, non può diventare una scelta accessibile solo ad alcune fortunate. In Parlamento è in discussione una mia proposta di legge per sostenere e valorizzare la partecipazione delle donne al mercato del lavoro, e per favorire la conciliazione tra lavoro e famiglia. Servono azioni immediate e decise. Basta perdite di tempo».  © RIPRODUZIONE RISERVATA