MATTARELLA

SOS al Presidente Mattarella, «mi aiuti sono una mamma che da 8 anni non vede sua figlia Arianna»

Domenica 22 Dicembre 2019 di Franca Giansoldati
1
Ginevra Amerighi con la figlia Arianna

Dopo avere scritto la sua straziante storia a Papa Francesco chiedendogli aiuto, ora l'Sos lo ha inviato, attraverso una lettera aperta, al Presidente della Repubblica. Un accorato grido per implorare a Mattarella un intervento. Ginevra Pantasilea Amerighi è una mamma, insegnante di scuola che non vede e non sente la sua bambina da 8 anni. Alienazione parentale. La sua colpa è avere denunciato gli abusi e maltrattamenti dell'ex compagno al quale poi -  sorprendentemente - il Tribunale dei Minori di Roma ha affidato la piccola Arianna che ora ha 10 anni. Questo è il nono Natale che non trascorreranno assieme. La piccola vive a Roma e la mamma sull'isola di Lipari. Una storia struggente di ingiustizia e sordità istituzionale. 

«Egregio Presidente Mattarella,  non avrei mai immaginato di dover un giorno rivolgermi a Lei. Oggi, dopo essermi rivolta al Santo Padre, sono costretta a chiederle aiuto. Sì, ho bisogno di aiuto per qualcosa di incredibilmente violento che è stato fatto e continua ad essere perpetrato con altrettanta decisa violenza contro me e la mia bambina Arianna, proprio dalle istituzioni che avrebbero dovuto proteggerci. 
Sono stata vittima, durante la gravidanza e anche dopo, di comportamenti aggressivi da parte del padre di Arianna. Quando sono state avviate le indagini da parte della Procura perché fosse garantita protezione a me e alla piccola di pochi mesi, il Tribunale per i Minorenni di Roma, con un decreto (provvisorio inspiegabilmente da 9 anni), ha fatto prelevare dalle forze armate la mia creatura da casa per consegnarla al padre violento, un ricco imprenditore senza scrupoli e soprattutto senza amore a tal punto dal togliere la mamma a una bambina di 18 mesi.  Era il 23 marzo del 2011».

Ginevra prosegue: «Da allora ho cercato in tutti i modi, con tutte le mie forze di riabbracciare la mia bambina, ma mi è stato sempre negato, anche quando il padre dopo sette anni di processo penale è stato condannato per violenza.  Mi è stata tolta la potestà genitoriale e “vietato ogni contatto” con mia figlia. Quasi 10 anni della nostra vita sono andati perduti così e sono sicura che se lei non interverrà ne passeranno altrettanti».

«Era la nostra vita, hanno rubato ciò che non dovrebbe essere sottratto né a una madre, né a una figlia: ci hanno rubato l’amore. Non so, davvero, quanti anni io possa avere ancora da vivere, soprattutto dopo tutto il male che il mio cuore ha subito e il dolore che sta sopportando. Ma non voglio morire senza riabbracciare la mia vita. Desidero riabbracciare la mia bambina, è l’unico desiderio che ho. 
Non riesco neanche a chiamarla “ingiustizia” perché dopo tutto quello che ho fatto per avere giustizia, dopo 9 anni di lotte inutili, di umiliazioni, ricatti, minacce, soprusi e violenze perpetrate da chi avrebbe dovuto proteggerci, mi sento di affermare con sicurezza che dietro a tutto questo orrore ci sia dolo! »

Ginevra elenca poi la via crucis giudiziaria che ha avviato, impiegando tutto quello che possedeva, per potersi pagare le spese degli avvocati: «Non ho potuto difendermi in secondo e terzo grado e quindi neanche in Corte Europea, perché il decreto è appositamente “provvisorio”!  Io e Arianna siamo prigioniere di una violenza istituzionale inaudita. Per questo le chiedo la Grazia. Da sola non riesco a liberarmi.  Si avvicina un altro penosissimo Natale. Un momento che mi strappa il cuore se penso a mia figlia che non vedo mai.  Dopo di Lei è il vuoto per noi. Lei è l’ultima speranza che ho. Una sua non risposta equivarrebbe a una sentenza di condanna a una morte invisibile, la mia, ma anche a una morte più grave, la più atroce: la morte della giustizia e dei valori ad essa connessi. Con fiducia,  Ginevra Pantasilea Amerighi».

Il ricorso presentato nel 2017 per chiedere la revoca o la modifica del decreto e la reintegra della responsabilità genitoriale è rimasto sostanzialmente ignorato. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA