Gender gap nelle scienze: «Le ragazze brave in matematica ma molto di più nella lettura»

Sabato 27 Luglio 2019
1
Un'aula di università

Perché ci sono meno ragazze che ragazzi intenzionati a diventare scienziati e ingegneri? Non è perché non siano abbastanza brave in matematica. È che sono molto più brave a leggere. Questo vantaggio nella lettura è il motivo principale per cui le donne sono meno numerose degli uomini in ambito tecnologico,  secondo un rapporto pubblicato questo mese negli atti della National Academy of Sciences e riportato dal Los Angeles Times. Gli autori dello studio, gli economisti Thomas Breda della Scuola di Economia di Parigi e Clotilde Napp del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, sono giunti a questa conclusione analizzando i dati del sondaggio di 300.000 studenti delle scuole superiori in 64 paesi del mondo. «Abbiamo cercato di capire i motivi per cui osserviamo tanta differenza tra ragazze e ragazzi negli studi», ha detto Breda. 

I punti di forza
Gli studiosi hanno scoperto che tra gli studenti più bravi in ​​matematica piuttosto che nella lettura il 68% erano ragazzi e il 32% erano ragazze. Al contrario, tra gli studenti più bravi a leggere che in matematica, il 68% erano ragazze e il 32% erano ragazzi. Questo divario di genere potrebbe spiegare perché i ragazzi sono più propensi delle ragazze a seguire lezioni nei cosiddetti campi Stem: scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, hanno riferito i ricercatori. Precedenti ricerche si sono concentrate sulla discriminazione di genere delle donne in campi scientifici e su come le norme sociali influenzano le aspirazioni di carriera delle ragazze. Il nuovo studio è diverso perché si concentra sui punti di forza dei singoli studenti di tutto il mondo.

Breda e Napp hanno analizzato un sondaggio chiamato Program for International Student Assessment, o PISA. Somministrato ogni tre anni a quindicenni in paesi dall'Argentina al Vietnam, Pisa valuta le intenzioni dei ragazzi di seguire corsi avanzati in ciascuna di tali materie in futuro.  I ricercatori hanno scoperto che, nel complesso, i ragazzi avevano un'attrazione più forte per le lezioni di matematica rispetto alle ragazze. Ad esempio, la percentuale di ragazzi che ha affermato di voler frequentare più lezioni di matematica invece di più lezioni di lettura era quasi 8 punti percentuali in più rispetto alle ragazze. 

I paesi
In pochi paesi, tra cui Turchia e Malesia, la percentuale di ragazze interessate allo studio della matematica era più elevata di quella dei ragazzi. Ma nella maggior parte degli altri paesi, i ragazzi erano più attratti delle ragazze.  L'esempio più estremo è la Svizzera, dove il 68% dei ragazzi e il 47% delle ragazze ha dichiarato di essere disposto a frequentare ulteriori lezioni di matematica, ha affermato Napp.

I test
Sia nei test di matematica che in quelli di lettura, il punteggio medio per tutti gli studenti era leggermente inferiore a 500. Ma nei test di matematica, il punteggio medio per i ragazzi era di circa 10 punti in più rispetto alle ragazze. Nei test di lettura il punteggio medio per le ragazze era di circa 30 punti in più rispetto ai ragazzi, hanno detto i ricercatori. Quindi i ricercatori hanno deciso di confrontare le abilità matematiche di ogni studente con le sue capacità di lettura. Qui, la differenza di genere era più netta. Guardando i risultati dei 64 paesi, hanno visto che il 59% dei ragazzi era più bravo in matematica che in lettura e che il 74% delle ragazze era più bravo in lettura che in matematica, ha detto Breda.

I risultati confutano chiaramente l'idea che le ragazze hanno meno chance di successo nelle carriere tecniche, ha affermato Riegle-Crumb. «Non è che non possano eccellere in matematica», ha detto. «È che hanno alcune competenze e alcuni interessi in campi che sono persino più grandi». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA