Prende a martellate moglie e figlia, patteggia e torna a vivere accanto a loro

Lunedì 21 Ottobre 2019
2

Ha tentato di uccidere moglie e figlia prendendole a martellate. E adesso lascerà il carcere e tornerà a vivere accanto alle due donne. «Volevo ucciderle, dar fuoco a casa e poi farla finita», ha raccontato  Giuseppe Vitali che la scorsa estate, a Coccaglio in provincia di Brescia, aveva aggredito la moglie e la figlia. L'uomo ha patteggiato una condanna a quattro anni e sei mesi l'uomo per tentato omicidio. In giornata lascerà anche il carcere per poter tornare ad abitare nella palazzina della famiglia. Non risiederà nella stesso appartamento di moglie e figlia, che potrà però liberamente incontrare, ma in un'abitazione al piano inferiore.

Milano, donna uccisa a coltellate dal compagno in strada: condannato a 30 anniAlexandra, uccisa a 26 anni dall'ex fidanzato, la mamma: «Alle vostre figlie insegnate il diritto a essere felici»Roma, sgozzò la cognata perché copriva i tradimenti della moglie: condannato a trent'anni

Ultimo aggiornamento: 13:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA