Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Neo-mamme più a rischio depressione e ansia per effetto della pandemia

Neo-mamme più a rischio depressione per effetto della pandemia
2 Minuti di Lettura
Domenica 14 Giugno 2020, 14:05

Le donne in gravidanza e le neomamme possono soffrire particolarmente gli effetti psicologici della pandemia Covid-19, vero e proprio «fattore di rischio» per la depressione legata al parto. È quindi «cruciale supportare le donne a rischio di ansia e depressione» così da garantire «un trattamento efficace anche in caso di distanziamento sociale». A spiegarlo sono le «Indicazioni di un programma di intervento per la gestione dell'ansia e della depressione perinatale nell'emergenza e post-emergenza Covid», pubblicate dall'Istituto Superiore di Sanità (Iss).

«Il diffuso sentimento di paura nei confronti del contagio dal virus» e la riduzione dei contatti con gli altri, vanno infatti a sommarsi alle difficoltà emotive tipiche di questa fase delicata della vita della donna, «aumentando la possibilità di disturbi mentali». Per effetto del lockdown, inoltre, «è venuta a mancare la presenza fisica di parenti e amici che costituisce un fattore protettivo per il rischio di suicidi». Infine, a causa delle politiche di contenimento dei contagi, l'accesso ai servizi dedicati alla salute mentale «è stato limitato alle sole urgenze, rendendo così difficile accogliere le richieste della popolazione». Tutto ciò, «contribuisce ad alimentare uno stato d'ansia e preoccupazione che può avere conseguenze gravi». Dato che, anche nella fase del post-emergenza «l'accesso ai servizi continua ad essere limitato», scrive l'Iss, «è necessario ripensarne l'organizzazione». Gli step sono monitorare i fattori di rischio e fare uno screening precoce delle persone a rischio, attuare interventi individuali o di gruppo, anche a distanza tramite piattaforme di comunicazione on line e App dedicate.

Coronavirus, l'Oms: «I benefici dell'allattamento al seno superano i rischi del contagio»

Coronavirus, le donne in gravidanza positive non hanno particolari complicazioni e sembrano non contagiare i bambini

© RIPRODUZIONE RISERVATA