Madonna in calze a rete contro l'ageism: «Mi puniscono per aver compiuto 60 anni»

Sabato 17 Agosto 2019

Madonna compie 61 anni e continua a fare Madonna. La popstar che sulla provocazione ha costruito parte del suo successo in questi giorni posta su Instagram foto delle prove generale del suo tour in partenza a settembre. Eccola mentre indossa una gonna rossa e mostra le gambe muscolose fasciate da calze a rete nera. E ancora mentre in short esegue sul tappetino esercizi di stretching. Come dire: niente mi può fermare, nemmeno gli anni che passano e al diavolo chi critica le pose fuori luogo per una sessantenne. “Maturi” sarete voi. Madonna è sempre lei, guerriera e trasgressiva, in prima linea nella battaglia all'«ageism».

Dolce e Gabbana vendono la villa di Stromboli: ospitò star come Madonna e Naomi Campbell
Madonna compie 60 anni, party extralusso nel castello a Marrakech

In Italia se ne parla poco di "ageismo", un termine coniato dal gerentologo e psichiatra americano Robert Neil Butler per indicare l'atteggiamento di discriminazione e pregiudizio nei confronti di persone o gruppi in base alle età. Prime vittime, le donne oltre i 50. Fatte fuori perché troppo vecchie, che siano persone qualunque o star. L'attrice Kristin Scott Thomas, 59 anni, ha confessato di sentirsi trasparente sul tappeto rosso. Nicole Kidman ritirando un premio lo scorso anno per la sua interpretazione di Celeste Wright in Big Little Lies ha attaccato l'ageism così diffuso sul grande schermo.
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Madame ❌ is a 4 star general............... 🎖 🎖 🎖 🎖 #Birthday #madamex

Un post condiviso da Madonna (@madonna) in data:


Madonna ancora più diretta in occasione dell'uscita del suo ultimo album, Madame X. «Le persone hanno sempre cercato di zittirmi per una ragione o per l'altra. Non sono abbastanza carina, non canto abbastanza bene, non ho abbastanza talento. Ora non sono abbastanza giovane. Mi sto scontrando con l'ageismo, mi puniscono per aver compiuto sessant'anni», ha scritto su Twitter.  
 

In un'intervista a Vanity Fair nel 2015 la regina del pop aveva parlato di razzismo. «Non c’è differenza tra l’ageism e il razzismo o l’omofobia. La causa è sempre la scarsa conoscenza, l’ignoranza che crea paura e la paura che genera la voglia di distruggere con la critica. Che senso ha? Fatemi vedere il manuale che dice come comportarsi a una certa età. A me non risulta che esista». E su la gonna rossa, anche a 61 anni. 
«Ma che male c'è ad avere la propria età qualunque essa sia?», la scrittrice e attivista americana Ashton Applewhite rivendica l'age-pride nel suo saggio “Il bello dell'età”.  E la scrittrice Lidia Ravera dirige per Giunti una collana intitolata “Terzo tempo”, dedicata agli ultrassentantenni. Ma chi può dirmi che non ho più l'età? 

Ultimo aggiornamento: 18 Agosto, 11:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA