Lockdown, le donne ansiose e tristi: gli uomini più rilassati e sereni

Lunedì 29 Giugno 2020 di Carla Massi

Durante le settimane di isolamento in casa lei era generalmente sopraffatta dall'ansia e la notte faceva fatica a dormire mentre lui riusciva a godersi a pieno l'inaspettato rilassamento. Oltre la metà delle donne che vivevano da sole hanno confessato di aver provato momenti di grande tristezza, gli uomini solo nel 25% dei casi. Anzi, quattro su dieci, si sono raccontati come sereni.

Un blog ha raccolto le paure delle donne durante il covid: «Saremo migliori? Sicuramente insonni»

I due mondi a confronto, nelle settimane dell'emergenza, li ha messi la Fondazione Libellula organismo fondato da Zeta Service che riunisce oltre trenta aziende impegnate nella lotta contro la discriminazione e la violenza di genere. Mille gli intervistati, in maggioranza femmine, nella prima settimana di maggio: impiegati e operai tra i 30 e i 60 anni. Del campione le donne che durante il lockdown non hanno lavorato (cassa integrazione, congedo parentale o attività interrotta) erano il 20% per contro il 9 degli uomini.

E quando non dovevano lavorare, fuori o dentro casa quali erano le attività alle quali si dedicavano? Semplice, lei nel 47% dei casi (lui nel 30%) pensava alla gestione della casa mentre i loro partner privilegiavano il totale relax condito da intrattenimento. Quindi musica, film o videogiochi. Ovviamente la differenza si fa più distante dove c'erano anche dei bambini. Per i quali le mamme hanno, di fatto, modificato le loro priorità mentre i papà hanno fatto molta più fatica.

Ultimo aggiornamento: 13:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA