Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alla Casa Internazionale delle Donne il festival della editoria al femminile

Alla Casa Internazionale delle Donne il festival della editoria al femminile
2 Minuti di Lettura
Martedì 18 Febbraio 2020, 10:15 - Ultimo aggiornamento: 12:35
Happening culturale femminile alla Casa Internazionale delle Donne. Dal 5 all'8 marzo, a Roma, si apre 'Feminism3', la terza edizione della fiera dell'editoria femminile: quattro giorni di libri, riviste, incontri, focus, spettacoli per l'unica fiera nazionale a firma femminile. La manifestazione, a ingresso gratuito, si tiene nella sede storica dei movimenti femministi, da decenni crocevia di servizi, proposte culturali e politiche interamente declinati al femminile. Una sede che oggi è a rischio di chiusura.

La rassegna si apre con una formula rinnovata: oltre 80 espositori, fra i quali 34 "new entry", avranno a disposizione un grande spazio libreria. Accanto ad amiche e amici storici come Viella, Il dito e la luna, Venexia, Moretti e Vitali, Enciclopedia delle donne, Vanda, All Around, Voland e tanti altri, entrano al Buon Pastore per la prima volta realta' importanti come Laterza, Giunti/Bompiani, Sellerio, Newton Compton, La nave di Teseo, Baldini e Castoldi. Inoltre partecipano nuove realta' giovani e interessanti quali Capovolte, Le Assassine, Somara!

La scrittrice Maria Rosa Cutrufelli sara' la madrina di 'Feminism3'. L'inaugurazione è per giovedi' 5 marzo alle 16.

La Casa delle Donne da tempo è a rischio chiusura per una serie di debiti accumulati con il Comune di Roma e a sostegni che non arrivavano. Ci ha pensato la Regione Lazio: «Non potevamo permettere che chiudesse: un bene comune che fa parte della storia e dell'identità di Roma. La Regione interviene con 700 mila euro l'anno per salvarla: crediamo in città fatte di comunità, non di soli palazzi e strade» ha annunciato  il presidente Nicola Zingaretti in un tweet.
© RIPRODUZIONE RISERVATA