Gaia Simonetti “Donna dell'anno”: ha raccolto in un libro le lettere di sei madri ai figli morti

Mercoledì 27 Novembre 2019
Le madri che hanno scritto ai figli che non ci sono più

Il coraggio delle mamme che viene premiato. “Lettere senza confini” (Edizioni Adv) è il libro che raccoglie i pensieri che sei madri hanno inviato ai figli che non ci sono più e riceverà un riconoscimento un riconoscimento al Premio internazionale Michelangelo domenica 1 dicembre al Palazzo Mediceo di Seravezza, Lucca.  Gaia Simonetti, giornalista fiorentina e addetto stampa della Lega Pro, curatrice del volume che nasce da una esperienza di dolore condivisa con altre mamme, riceverà il Premio Donna dell'anno 2019. A consegnarlo Barbara Benedetti, presidente del Premio internazionale Michelangelo. «Il Premio Donna dell'anno nasce in questa edizione - spiega Barbara Benedetti - per riconoscere il coraggio, il valore di gesti che restano impressi come quello delle 6 madri del libro, che da Firenze, Mantova ed Amatrice, le città da cui provengono hanno teso la mano ad altre mamme».

Sei madri: "Noi, unite contro il dolore per i figli morti"

«Sono onorata di ricevere il Premio  Donna dell' anno 2019 - dichiara Gaia Simonetti - che viene condiviso con donne uniche come Stefy, Giovanna, Paola, Stefania, Laura, le mamme che scrivono lettere ai figli che hanno perso e che insegnano la vita». Lettere senza confini compie il suo primo anno proprio domenica 1 dicembre e in 12 mesi ha incontrato giovani nelle scuole, nei teatri, nei circoli. Ha permesso di consegnare due borse di studio a studenti di Amatrice e Accumuli e  ogni anno ne sarà decicata una ai ragazzi a cui sono indirizzate le lettere del volume. La prossima borsa di studio sarà intitolata a Mauro Cordeschi, figlio di Giovanna, che ha salvato vite con il dono degli organi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA