Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carfagna: «Rilanciare l'occupazione femminile per crescere. La crisi è un'occasione da non sprecare»

Carfagna: «Rilanciare l'occupazione femminile per crescere. La crisi è un'occasione da non sprecare»
2 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Luglio 2020, 16:04 - Ultimo aggiornamento: 22 Luglio, 12:21

L'occupazione femminile come volano per il rilancio dell'economia italiana. È stato questo il tema al centro dell'evento «L'occupazione femminile in Italia: misure e proposte per il rilancio dell'economia italiana» promosso da Valore D con la partecipazione di Mara Carfagna, Vicepresidente della Camera dei deputati, e dei massimi rappresentanti di alcune delle aziende più importanti che operano in Italia. «Ricordo che il tasso di occupazione femminile in Italia è stato del 50% nel 2019 - ha spiegato Paola Mascaro, presidente di Valore D, secondo quanto riferito in una nota - tra i più bassi in Europa, e ha registrato un drammatico 33% nel Mezzogiorno».

«La questione - ha aggiunto - va considerata e affrontata seriamente non solo in un'ottica di equilibrio e di inclusione ma soprattutto in un'ottica di crescita del sistema produttivo italiano e quindi del sistema Paese. Un maggiore e migliore impiego delle donne significa infatti un maggiore valore economico».


Conte: «Ripartire dalle donne per la crescita dell'Italia»

Tre donne alla guida dell'Europa, Casellati: «Un traguardo storico»

L'OCCASIONE
​«Sono tantissimi anni che si parla di occupazione ed empowerment femminile - ha concluso l'incontro Carfagna -, ma oggi c'è una situazione nuova. Oggi le misure di sostegno europeo, non a caso decise dalle tre donne che attualmente guidano l'Unione, stanno per portare in Italia risorse enormi, mai viste. E tocca a noi, donne della politica, dell'impresa, dei corpi intermedi, del terzo settore, far sì che il riconoscimento del valore femminile entri fra le priorità di ogni piano di ricostruzione nazionale. Costruire strumenti nuovi per fare dell'Italia un Paese più amico delle donne, capace di valorizzare l'immenso tesoro che rappresentano, è stato per molto tempo un progetto faticosissimo e lento: adesso c'è la possibilità di ingranare una marcia più alta, di andare più veloci. È un'occasione che non si può sprecare perché finalmente oltre ad esserci l'esigenza, ad avere delle idee, ci sono anche i fondi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA