La scienza e la salute al femminile, a Reggio Emilia le scienziate più quotate

Giovedì 4 Luglio 2019

Non è vero che la scienza è solo cosa da uomini. Oggi, 4 luglio, a Reggio Emilia si riuniscono le eccellenze delle donne scienziate. Il criterio con cui è stata stilata la lista delle scienziate che vi partecipano è quello della produttività scientifica, riconosciuta a livello internazionale. Si tratta del primo meeting "Top Italian Women Scientists" e si svolge dalle 9.30 alle 19.00 presso Banco Bpm, Via Roma 4 a Reggio Emilia. Il convegno è stato promosso da Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, che si è costituitosi nel maggio di tre anni fa ed  è presieduto dall’ideatrice dell’iniziativa, Adriana Albini, Professoressa di Patologia Generale dell’Università Milano Bicocca, Dirigente dell’Irccs MultiMedica di Milano e socia Ewmd Reggio Modena. Il gruppo, in particolare, riunisce le eccellenze femminili «che hanno dato un sostanziale contributo allo sviluppo in campo biomedico, nelle scienze cliniche e nelle neuroscienze. L’obiettivo è promuovere la ricerca al femminile e avvicinare le giovani a questo mondo».

I criteri di selezione. Il club è dedicato alle scienziate italiane impegnate nella ricerca recensite nella classifica dei Top Italian Scientists (TIS) di Via-Academy, un censimento degli scienziati italiani di maggior impatto in tutto il mondo, misurato con il valore di H-index, indicatore che racchiude sia la produttività sia l’impatto scientifico del ricercatore, nonché la sua continuità nel tempo, e che si basa sul numero di citazioni per ogni pubblicazione. Per il Club sono state selezionate le ricercatrici con H-index pari o superiore a 50. Fondata a Bruxelles nel 1984, l’associazione internazionale Ewmd si batte per la parità di genere nei ruoli aziendali apicali.

Chi sono. A marzo 2019 le scienziate italiane che rientravano nelle lista di quelle a maggior impatto erano 4.720, suddivise per macroaree. L'elenco completo sul sito: http://www.topitalianscientists.org/top_italian_scientists.aspx

Lo svolgimento. L’evento si svolgerà in due fasi: al mattino, le scienziate si riuniranno in privato, per aggiornarsi sulle loro ricerche; nel pomeriggio, a partire dalle 17 – con il coordinamento di Donatella Davoli, Presidente insieme a Simona Salvarani di Ewmd Reggio Modena – offriranno al pubblico una conferenza focalizzata sul mondo scientifico, culturale e accademico del settore della ricerca biomedica, sottolineando le sfide e gli ostacoli che affrontano le donne  e i contributi che possono dare a questo settore; come sono cambiati gli equilibri nel corso degli anni e come le donne possono avvicinarsi e imporsi in ruoli e discipline che vedono sempre più la presenza femminile.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA